Louis Vuitton

Martina D'Amelio
1 ottobre 2014

Sulla passerella di Nicolas Guesquière sfila una donna contemporanea, vestita ad arte, che rispecchia appieno la nuovissima location della Fondation Louis Vuitton.
Disegnata dall’architetto Frank Gehry, la Fondation verrà inaugurata solo il 27 ottobre ma la collezione primavera-estate 2015 della maison ha avuto l’onore di mostrarsi in anteprima all’interno dei suoi moderni spazi. La sfilata si prefigura come il primo pièce d’arte contemporanea degli altri che si susseguiranno all’interno della struttura: abiti corti, intagli di pizzo e stivaletti, ma anche micro dress di paillettes, velluto stampato e inserti di pelle, per una donna giovane ma consapevole del proprio stile. Anche i richiami al passato si trasformano e diventano attuali nelle mani di Nicolas Guesquiere, come i colletti a nastro, le macro righe anni Sessanta e le stampe di complementi vintage. L’attenzione poi è tutta sulle bags: a tracolla ma portate come pochette, matelassè o coccodrillo, sulle quali campeggia il classico logo applicato, simbolo di contemporaneità.

  • 01
  • 02
  • 03
  • 04
  • 05
  • 06
  • 07
  • 08
  • 09
  • 10