Luca Luca

staff
9 settembre 2011


“Pensavo alla sensualità” afferma nel backstage prima della sfilata Raul Mengoza, direttore creativo dal 2008 per Luca Luca. La silhouette per la prossima primavera è più morbida rispetto agli standard conosciuti dal designer, che abbandona le linee strutturate per sperimentare maggiormente su drappeggi e forme – ma ce n’è per tutti i gusti: abiti e gonne fluttuanti di diverse lunghezze con profondi spacchi sulle gambe, spalle, che tra mono e vari tipi di incrocio rimangono sempre scoperte; oppure un look più metropolitano con pantaloni e vestiti-pantalone a vita alta indossati rigorosamente con una sottile cinturina di pelle, blazer e camicette, il tutto ingentilito dai colori della primavera, tra cui risplendono dei brillanti azzurro e verde chiaro e un motivo a roselline colorate su sfondo nero, non dimenticando le classiche righe, riproposte anche in una variante alternativa. Forte anche il bianco, per una camicia e qualche abitino, che rimane sempre la scelta principe e caratterizzante dell’estate – atteggiamento richiamato anche dai foulards colorati annodati attorno alla fronte delle modelle. Per la soirée abiti lunghi ed ondeggianti, lusinghieri per la silhouette, nelle tonalità più seducenti del colore del mare. Ultimo capo a sfilare un particolarissimo abito con manica a tre quarti bianco e lungo impreziosito da pois neri di pallettes. Luca Luca ricorda una donna che sa essere sensuale anche in maniera vivace e spiritosa.

 

Laura Somaini