Maison Margiela

Luca Antonio Dondi
30 settembre 2015

L’estro creativo di John Galliano porta, sulla passerella di Maison Margiela, una collezione primavera-estate stravagante – al solito -, futuristica, ma con rimandi classici e spunti presi dalla tradizione giapponese. Tailleur rivisitati in gonne longuette con applicazioni iridescenti, blazer marmorizzati e top a rete quasi inesistenti si alternano a midi skirts dalle tasche importanti e con spacco centrale, coats in pelliccia dai colli animalier, mini felpe in polipropilene o classici pullover dall’intreccio a maglia, minidress semplici abbinati a estrosi cappelli e tute fluide dallo scollo profondo.

Moderne geishe calcano la passerella nella seconda parte della sfilata, in cui compaiono longuette in lattice o tela jacquard accostate, attraverso un gioco di contrasti cromatici, a giacche e blazer stretti in vita da corde di seta che reggono piccoli backpacks.

Gli accessori si fanno chic: lunghi guanti argentati accompagnano le mises da giorno insieme a capienti borse a mano ed eleganti décolleté.

Una collezione ricca di colpi di scena in cui la teatralità di Galliano si fonde con la ricercatezza e lo stile classicheggiante della Maison Margiela, in un tripudio di forme e colori davant-garde.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • Maison Margiela RTW Spring 2016
  • Maison Margiela RTW Spring 2016