Maison Margiela

Mirco Andrea Zerini
27 gennaio 2016

John Galliano firma la collezione Couture di Maison Margiela portando in passerella una moda sofisticata, costruita però intorno ad oggetti quotidiani.

Il messaggio che l’estroso stilista ha voluto trasmettere al pubblico è che è possibile vestirsi Couture anche sfruttando “ciò che si ha in casa”. Un catwalk in cui l’ordinario si trasforma in straordinario e che strizza l’occhio all’arte moderna, forse un po’ distante dai concetti di “wearable” e di “comodità”, ma sicuramente di forte appeal.

C’era qualcosa di David Bowie – un omaggio alla celebre star scomparsa di recente – c’erano molti, moltissimi glitter, tessuti lamè, broccati, make-up surreali, acconciature insolite ed anche un po’ di pazzia che ha invaso la passerella nelle sue uscite più spettacolari. Giacche “safari”, gonne plissettate, top ricchi di frange e drappi in tessuto avvolti apparentemente senza criterio, giacche in tessuto laminato con tasche in velluto, culotte in tonalità nudo abbinate a spolverini e top in fantasia, minidress a metà strada con gli chemisier in tessuti di camiceria a righe e longdress tempestati di cristalli shiny.

Difficile definire in maniera omogenea la palette, che spazia dalle tinte unite – oro, nero, crema, bianco e verde acido – a fantasie astratte, pattern rigati, tartan, stampe e ricami ironici come la carpa che emerge dalle acque su una giacca in pelle.

Tutto concorre a sottolineare l’abilità dello stilista, che ha dimostrato la sua bravura anche nei tagli, nei dettagli, nell’abile uso dei tessuti e nella lavorazioni pregiate ed inconsuete, dando vita ad una collezione in cui tutto è destrutturato e stravolto.

Un “nonsense” ricco di significati simbolici e metaforici, che traspare dalle uscite, dall’espressione apatica delle modelle, dalle movenze e dal make-up, incrementato dalla decisione di John di non rilasciare interviste, per dare libero sfogo alla creatività e all’estro di ognuno, libero di interpretare e definire.

  • 01
  • 02
  • 03
  • 04
  • 05
  • 06
  • 07
  • 08
  • 09
  • 10