Marc Jacobs

Valentina Nuzzi
11 settembre 2014

Uno show del tutto peculiare quello messo a punto dal team di Marc Jacobs per presentare la collezione dedicata alla prossima primavera-estate. Giunti sul luogo del défilé gli invitati si sono trovati di fronte ad un’imponente istallazione rosa shocking – una casa riprodotta in scala reale – che ha fatto da cornice all’intero show. Non solo la passerella non era delle più tradizionali, ma anche il soundtrack – solitamente diffuso in stereofonia ad ogni angolo della stanza – è stato questa volta affidato a delle cuffie individuali, di cui ogni spettatore è stato dotato. Sostanzialmente, una rivisitazione della silent disco tanto in voga negli ultimi tempi (peccato per fotografi e posti standing che devono aver sofferto un po’ di solitudine durante il silenzio di tomba sceso durante lo svolgimento dello show). Al di là della curiosa scenografia, l’attesa era tutta per la collezione, che ancora una volta ha designato Jacobs come uno degli stilisti più geniali e prolifici dei nostri tempi. La passerella è stato un susseguirsi di uniformi, rivisitate però nei colori e nelle forme. Ecco che gli austeri pantaloni multi tasca si trasformano talvolta in audaci mini gonne, lo spesso cotone viene sostituito dal sensuale satin e le rigide “divise” si arricchiscono di infiniti bottoni colorati. Da rimarcare anche lo styling: le modelle non indossavano un filo di trucco ed il loro look è stato omologato mediante l’uso di una parrucca: un caschetto nero con tanto di frangia spettinata. L’esercito non è mai stato così fashion…

  • 01
  • 02
  • 03
  • 04
  • 05
  • 06
  • 07
  • 08
  • 09
  • 10