Miaoran

Ottavia Pomini
18 giugno 2016

Un’atmosfera surreale e minimalista ha accompagnato il defilè per la primavera-estate 2017 dello stilista cinese Miaoran, ultimo talento promosso da Giorgio Armani.

Il designer si è lasciato ispirare dalle bizzarre creature che popolano gli abissi sottomarini, ricamate su alcuni capi della linea, intitolata ‘’Ittiophobia’’.  Una collezione basata su una continua ricerca di nuovi materiali, le cui texture giocano con diversi volumi, forme decise e decori, capaci di delineare una nuova e profonda concezione degli abiti e del corpo umano.

Sfilano creature che appaiono come riemerse dal profondo dell’oceano, dal mood rilassato e fuori dall’ordinario, in veste di capi contemporanei con dettagli sportswear: camicie bianche e lunghe, top squadrati patchwork con ricami colorati, bomber corti in vita e profilati, pantaloni e soprabiti in tela avorio o in denim croccante, che definiscono la silhouette. Look ricercati che giocano su precisi contrasti cromatici, come l’azzurro della schiuma del mare accostato al verde alga e al corallo pallido, mentre capi off white, luminosi come la luce solare, si alternano a look total black in diverse texture, che richiamano le scogliere cinesi della penisola di Izu.

Un uomo che tenta assiduamente di fuggire dall’ordinario e amante dei volumi avvolgenti, totalmente sedotto dalla sconfinata profondità del mare.

  • Miaoran Men's Spring 2017
  • Miaoran Men's Spring 2017
  • Miaoran Men's Spring 2017
  • Miaoran Men's Spring 2017
  • Miaoran Men's Spring 2017
  • Miaoran Men's Spring 2017
  • Miaoran Men's Spring 2017
  • Miaoran Men's Spring 2017
  • Miaoran Men's Spring 2017
  • Miaoran Men's Spring 2017