Michael Kors

Mirco Andrea Zerini
16 settembre 2015

Elegante, seria e velatamente androgina la donna firmata Michael Kors Collection che a New York ha presentato una collezione molto ampia e piena di spunti interessanti.
Su un catwalk in cui si sono alternate presenze maschili e femminili, in un turbinio di virilità e femminilità, hanno sfilato le modelle indossando spolverini tempestati di fiori 3D ton sur ton che compaiono anche su gonne ampie e abiti ricchi di rouches, chemisier con profondi spacchi frontali che lasciano poco all’immaginazione, longdress eterei e trasparenti con pattern floreali, completi giacca-pantalone comodi e dal taglio maschile, portati però con bluse scollatissime ed abiti al ginocchio decisamente bon ton che sembrano essere un eco alla “donzelletta” di leopardiana memoria.
Una femminilità che si esprime in maniera sottile e che nella sua austerità risulta ancor più seducente ed attraente, con le modelle che diventano sensuali anche indossando abiti rubati al guardaroba maschile.
Il beachwear, declinato in tonalità che esaltano l’abbronzatura estiva, evidenzia una silhouette perfetta e un decolleté invidiabile e generoso.
La palette cromatica risulta essere limitata: non c’è spazio per colori eccessivi ma solo per gli evergreen bianco, nero, marrone in tutte le sue nuances, ocra e blu, ravvivati qua e là da accenti arancioni, rossi e azzurri. Tornano i pattern floreali, ma soprattutto ritornano le stampe pitonate, in un mix di floral style e snake style che dona movimento all’intera passerella.
Gli accessori sono ben variegati: sandali con tacco alto che lasciano il piede completamente scoperto e le immancabili borse, punto di forza del celebre brand che con la sua linea Michael Michael Kors sta letteralmente spopolando in tutto il mondo, declinate in materiali, colori e forme differenti.

  • 01
  • 02
  • 03
  • 04
  • 05
  • 06
  • 07
  • 08
  • 09
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18