Missoni

Marisa Gorza
19 settembre 2014

Ariosa, imprevedibile, imprendibile, poetica… la donna della prossima bella stagione, siglata Angela Missoni, sembra vestita di vento e di nuvole. Sono delicate brezze e capricciosi refoli che movimentano pannelli di seta, impalpabili pizzi e reti di maglia, strati di tulle e shantung doppiati dal nylon. Così i lunghi chemisier dalla sottana a ruota, gli abiti scollati costruiti a balze asimmetriche, le ampie gonne-pantaloni, le rivisitazione del classico trench di primavera, evanescenti come un soffio… volteggiano, si aprono e poi si riavvolgono, si sollevano e poi ricadono fluidi, ma impeccabili sulla silhouette.
Leggerezza e libertà da spensierata vacanza estiva anche nell’uso del colore: alte righe sfumate in gradazione interagiscono con fantasie all- over di petali découpé che appaiono e scompaiono come ombre tra le trasparenze mitigate dagli strati sovrapposti. Dall’ecru ai toni del rosa, dal giallo sole ai verdi variegati al turchese, per finire con i mauve e i viola intensi e tocchi argentati pieni di energia.
Foulard avvolti a turbante intorno al capo, oppure annodati con un fiocco, imbrigliano i capelli. Ai piedi francesine a rete chiuse da zip, o sandali infradito in vernice colorata e lucidissima. Sulle quali volare dall’alba al tramonto e molto oltre.

  • 01
  • 02
  • 03
  • 04
  • 05
  • 06
  • 07
  • 08
  • 09
  • 10