Moncler Gamme Bleu

Martina D'Amelio
18 giugno 2017

Thom Browne gioca con le stagioni per la collezione primavera-estate 2018 di Moncler Gamme Bleu, in un’alternanza di neve e sabbia, pini e palme, ma soprattutto piuma e nylon, i capisaldi della Maison.

L’ingresso nella location di via Solari in una caldissima giornata ha un che di surreale, considerato il suggestivo paesaggio innevato. Basta acclimatarsi e guardare meglio per scorgere le sdraio. E a quel punto, iniziare a pensare che forse le mezze stagioni esistono ancora – o forse no. La passerella si popola di uomini in shorts o slip pants alla caviglia di lana e cashmere tecnico abbinati a giacche sportive, cappotti Chesterfield e peacoat, indossati con i moonboot o le infradito e declinati nella gamma dei grigi, nei madras classici bianco-rosso-blu oppure in versione total black.

Il mix di activewear e sartorialità emerge soprattutto nell’outerwear, dove si susseguono giacche di piuma dai bagliori lurex indossati con il gilet di pelo, caban check lightweight da indossare con il completo in tinta, fino alle jacket ricamate o caratterizzate da intarsi in pelliccia. I capi imbottiti presentano sul retro una cerniera oversize, che a circa metà show viene aperta dagli stessi modelli – che, a questo punto, da St. Moritz viaggiano verso St. Barth e si accomodano in spiaggia, muniti di teli/coperte ed enormi sacche da bagnante/esploratore caratterizzate dal maxi logo.

C’è tutto l’estro del direttore creativo in questo show che dipinge la ciclicità delle stagioni: il tempo scorre, ma l’expertise della Maison non passa mai (di moda).