Mugler

Luca Antonio Dondi
7 marzo 2015

Una collezione che guarda al futuro quella di David Koma per l’autunno-inverno 2015/2016 firmato Thierry Mugler. Inserti metallici e disegni grafici che ricordano la struttura di un microchip racchiudono dentro di sè l’idea complessiva della collezione: uno sguardo verso un futuro, forse non troppo distante, in cui la tecnologia ha il sopravvento. Accanto alla tecnica e alla tecnologia degli abiti spicca una dose massiccia di sensualità e allure femminile grazie alle mini lunghezze degli abiti, ai pantaloni skinny, agli spacchi vertiginosi degli abiti lunghi e a fori o trasparenze. L’uso della pelle e del metallo contribuisce, insieme alle forme e ai colori, a dare l’idea del progresso tecnologico, mentre i capispalla sembrano essere ancora legati a una classica tradizione sartoriale. Questa nuova collezione per Mugler firmata David Koma va a confermare una spinta della Maison verso il futuro e la modernità, abbandonando l’universo glam-pop consacrato dal precedente direttore creativo Nicola Formichetti.

  • 01
  • 02
  • 03
  • 04
  • 05
  • 06
  • 07
  • 08
  • 09
  • 10