Nicholas K

Alice Signori
9 febbraio 2017

La collezione Autunno-Inverno 2017 di Nicholas K apre la settimana della moda americana in una fredda ed innevata New York. Se forti accenni tribali si ritrovano nel maxi orecchino adornato da astri o dall’anello affrancato alle narici, un twist più metropolitano si percepisce nei cappotti metallizzati foderati in pelliccia o nella fascia annodata sulle tempie. I lunghi cappotti sono pensati per sopperire alle temperature più rigide, mentre le casacche e i miniabiti da indossare nelle uscite più mondane non rinunciano a stoffe leggere e linee morbide. Tra i tessuti, spicca l’uso del velluto: vaporose gonne gitane, maxi tute con inserti in seta, ampi abiti o tailleur dall’accento rigorosamente casual sono delle piacevoli variazioni su capi solitamente più austeri e classici. Un anticonformismo che emerge tra le righe e che, uscita dopo uscita, ci parla di quella multiculturalità che proprio in questi giorni l’America sta dibattendo aspramente. Un anticonformismo sussurrato che, grazie alla propria discrezione, fa ancora più clamore.