Oscar de la Renta

Martina D'Amelio
15 settembre 2015

Peter Copping porta sulla passerella di Oscar de la Renta a New York una collezione ispirata alle origini latine del fondatore, seppur con un personale tocco contemporaneo.
È la seconda prova per lo stilista inglese alla direzione creativa del brand cult dell’upper class americana al femminile, amato da celebrities e donne di potere. Un’eredità pesante conseguita dopo la scomparsa di Oscar de la Renta solo un anno fa. Copping comunque sembra sempre più a suo agio nei panni (eleganti) che hanno fatto la storia del marchio: l’ispirazione per la collezione primavera-estate 2016 arriva direttamente dalle origini latine di de la Renta, a partire dal traje de luches, simbolo della tauromachia, per arrivare al classico accostamento di rosso e nero del costume da ballerina di flamenco. Garofani rossi spuntano ricamati su raffinate pencil skirt o stampati su candidi abiti bianchi impreziositi da rouches, per illuminarsi di cristalli nella variante black. Nastri e dettagli in velluto, voile di seta cremisi e balze di taffettà fanno il resto, per un look dall’eleganza tutta latina. Il tocco contemporaneo è dato dalla comparsa in passerella di sontuose espadrillas, inserti in pelle e pelliccia per i soprabiti, maglia a rete traforata e vistose impunture denim per giacche, abiti e gonne. Una collezione che volutamente celebra la creatività del maestro ma altrettanto volutamente se ne discosta, alla ricerca di un nuovo corso che però appare ancora lontano.

  • 01
  • 02
  • 03
  • 04
  • 05
  • 06
  • 07
  • 08
  • 09
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16