Philipp Plein

Luca Antonio Dondi
21 settembre 2016

L’epico addio di Philipp Plein a Milano rimarrà nella mente della moltitudine di ospiti presenti allo show, che non è stato il solito evento stravagante sopra le righe, di più: #aliceinghettoland ha sorpreso tutti con eclatanti colpi di scena.

Ma andiamo con ordine. Lo scenario è quello di un ideale paese dei balocchi con tanto di giostra volante, gnomi e fenicotteri giganti, prato verde ben curato, casette in stile Hansel & Gretel e maxi boombox rosa pastello. In passerella si alternano postmen su biciclette anni Cinquanta e camioncini gelato – veri, ovviamente – prima del grande botto: la cantante Fergie fa la sua comparsa su una decappottabile vintage e con le sue hit dà ufficialmente il via alla sfilata. Izabel Goulart è la prima a calcare il catwalk con quella verve sensuale che solo un angelo di Victoria’s Secret possiede: la primavera-estate 2017 di Plein è fatta di salopette in denim, completi con applicazioni décor, bomber in rettile, long dress dagli spacchi vertiginosi, crop top e culotte abbinati, leggins stampati e biker in pelle. Il tutto arricchito da copiose catene, strass e borchie, sandali gladiator, sneakers opulente, bijoux eccentrici e maxi cinture.

Lo scintillio delle catene e l’oro degli abiti acceca la platea, ma ad infiammare gli animi è l’uscita di Paris Hilton che tra applausi e grida procede, come solo lei sa fare, verso il fulcro dello show: la maxi giostra. Per il gran finale le modelle siedono su quest’ultima che inizia a roteare, scatenando lo stupore (e gli smartphone) di tutti. Un addio in grande, grandissimo stile quello di Philipp Plein che annuncia, dalla prossima stagione, di spostarsi a New York. Ma dovunque vada, dopo stasera, una parte di lui resterà sempre a Milano.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12