Prada

Alberto Corrado
20 febbraio 2014

01

La collezione è il secondo atto della sfilata maschile di gennaio geniale nel delineare il tributo a una certa temperie berlinese, che delle avanguardie di Pina Bausch e delle eroine intellettuali predilette da Fassbinder fa il perno della nuova ispirazione. Come conseguenza necessaria, la fisicità della donna si rifonda con piglio inflessibile, nessuna sdolcinatezza deteriore, e una perversa sensualità di concetto che per questo risulta più beffarda e pericolosa.
La convinzione del teatro sperimentale che nell’errore, nell’inatteso che disturba, nel superamento del limite rassicurante possa celarsi un momento di verità si fa qui tessuto e abito da indossare.
A rimarcare la spietatezza dei capi e il senso di inquietudine questa volta sono le volumetrie di giacche over abbinate in totale dissonanza con la scelta materica delle trasparenze degli abiti. Il rigore degli outfit non lascia spazio ad applicazioni né a ricami. L’unico decoro concesso da Miuccia Prada è rappresentato da bordure in shearling dal forte impatto cromatico giocato sui contrasti di giallo, rosso, viola e nero che delineano revers, tasche ed orli di giacche e cappotti.
La maglieria over è pervasa da una citazione: il grande disegno grafico a V parallele è una rielaborazione del pullover di Marlene, assistente muta della stilista nel film “Le lacrime amare di Petra von Kant” di Fassbinder, interamente giocato su rapporti di dominio e sudditanza. I bagliori metallici si traslano dai dettagli degli abiti agli accessori, su cui diventano protagonisti assoluti di shining bags dalle linee severe e geometriche in oro ed argento. Sorrette da macro catene e proposte anche nell’alternativa in cuoio si portano, rigorosamente, on the back.
I sandali open si basano su uno scontro dicotomico tra i sottili lacci intrecciati e le zeppe industrial con inserti metal dal sapore aspro e dissacrante. In alternativa futuristici stivali alti dalla tacco di gomma che ripropongono il leitmotiv delle calzature della scorsa sfilata maschile.

Alberto Corrado

Guarda la collezione:

02

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9