Prada

Martina D'Amelio
18 settembre 2014

Miuccia Prada sfida il tempo con una collezione per la primavera-estate 2015 in bilico tra sfarzo del passato e povertà del presente.
Il broccato più prezioso si accosta con naturalezza a tessuti modesti come la garza e il cotone, dando vita a soprabiti, vestiti a tubino e gonne che giocano con le lunghezze rigorosamente al ginocchio. L’utilizzo di tessuti contrastanti regala un effetto patchwork che riesce a non cadere nella trappola del passato, ma risulta attualissimo. Merito degli orli sfilacciati, delle impunture a contrasto, delle shoes dai tacchi vistosi e modernissimi, seppur barocchi nelle stampe. Il giallo e il verde sono i colori più estivi di una passerella che volutamente resta sospesa tra le stagioni e persino nello spazio, grazie all’allestimento lunar con autentica sabbia viola.

  • 01
  • 02
  • 03
  • 04
  • 05
  • 06
  • 07
  • 08
  • 09
  • 10