Raf Simons

Laura Gioia
11 luglio 2017

La contaminazione tra Oriente e Occidente in uno show che sembra il set di Blade Runner. Ispiratosi al celebre film di Ridley Scott, Raf Simons sfila alla fashion week di New York con una primavera-estate 2018 dedicata a un uomo cosmopolita, amante del punk e dei night market.

Su una pedana simile al marciapiede di una cittร  inumidito da un recente temporale, misteriosi modelli esibiscono lanterne cinesi, ombrelli aperti e voluminosi trench antipioggia. Gli impermeabili, pensati non solo per esprimere uno stile ma anche per proteggere, si indossano con cappelli fantasia a tesa larga, in modo da coprire anche il collo.

Rigorosamente sotto il ginocchio i pantaloni, da portare con robusti stivali o con ciabiatte e calzini neri – ma anche con le sneakers Detroit Runner, in partnership con Adidas. Giacche messe al contrario e maglie extra large completano un quadro scomposto e invaso dal gioco delle contaminazioni, in cui maschile e femminile si confondono tra loro, scambiandosi accessori, capi, scarpe.