Salvatore Ferragamo

Martina D'Amelio
25 febbraio 2017

Salvatore Ferragamo sfila a Milano con la collezione autunno-inverno 2017/2018: a scendere in passerella è la Ferragamo attitude, un mix peculiare di femminilità e dinamismo.

La donna immaginata dal nuovo designer Fulvio Rigoni, alla guida della divisione da settembre 2016, è sciolta ma conserva una buona dose di mistero che la rende sensuale e inevitabilmente affascinante. Bastano un paio di guanti lunghi fino al gomito e uno slip dress per trasformarla in una attraente Eva Kant di nero vestita, che di giorno si avvolge con circospezione in maxi colli di pelliccia e cappucci oversize che incorniciano il volto e coprono persino le braccia a mo’di sciarpa.

Un daywear sofisticato, grazie a silhouette semplici e proporzionate e colori neutri, spezzato qua e là da punte di viola, arancio, pale blue accompagnati da una delicata trama animalier. L’eredita stilistica del marchio si fonde con la spinta creativa e moderna nei piumini coat-size, versatile in veste di macro gilet e cappa double in pelliccia. A completare il look, giacche e gonne di pelle dal taglio classico, strette in vita, appoggiate sui quali si stagliano gli accessori a mano, come la tradizionale Soft Sofia, la Saddle soft e la Thalia Gancio, in nuovi colori e materiali. Tra le scarpe disegnate da Paul Andrew, hiking boots che svettano verso il futuro e zeppe scultura che guardano al passato della Maison. Capi e accessori che starebbero benissimo addosso a una fashion icon dei nostri tempi come Olivia Palermo, che d’altronde è seduta in prima fila.