Stella Jean

Mirco Andrea Zerini
24 settembre 2017

Stella Jean si spinge in Bolivia, e più precisamente a La Paz, per trovare l’ispirazione ideale della collezione primavera-estate 2018, presentata alla Milano Fashion Week.

Las Cholitas Luchadoras e Las Diosas Luchadoras – rispettivamente le donne wrestler e le dee lottatrici – sono le protagoniste della passerella che racconta di una discriminazione sofferta, ma anche della loro rinascita. Fiere ed orgogliose, salgono sul ring a passi di danza con i propri abiti tradizionali, a simboleggiare uno dei più riusciti empowerment femminile dell’America Latina.

Da qui parte Stella Jean per presentare la sua nuova collezione, che si caratterizza per i colori e le fantasie vivaci, nel pieno rispetto dell’heritage del marchio.

Sfilano abiti sia per il giorno che per la sera e jumpsuit off shoulder con pattern di chiara derivazione sudamericana e passamanerie, top e gonne ricchi di balze e volant e vestaglie da boxeur con patch Stella Jean Wrestling Team.

Grande spazio è dato anche allo sportswear con bermuda, tute activewear logo e costumi in lycra, nel rispetto assoluto della tradizione sudamericana.

La palette è ricca: toni vividi si alternano al bianco e al nero, creando stampe e ricami riconoscibili.

Una collezione che nella sua vivacità si pone come uno spunto di riflessione contemporaneo verso il tema caldo delle discriminazioni al femminile, perpetrato non solo in Sudamerica, ma troppo spesso in altri Paesi del mondo.