Advertisement

Ter et Bantine

staff
22 settembre 2012

Sobrietà è la parola d’ordine sulla passerella di Ter et Bantine per la prossima PrimaveraEstate 2013. Le influenze della stilista Manuela Arcari sono quelle dell’abbigliamento da lavoro, gli anni 60, le divise militari e la sartoria maschile, che si traducono in un guardaroba di capi elementari fortemente archetipici: top, gonne, abitini e ampi pantaloni, arricchiti da una cura particolare del dettaglio. La palette rispecchia lo spirito votato all’essenzialità della collezione: al classico bianco e nero si alternano soltanto panna, rosa, grigio e militare. Lo stesso vale per gli accessori, la donna proposta da Ter et Bantine alle scarpe col tacco preferisce le ballerine ed alle cinture semplici cinghie di cuoio.

 

Valentina Nuzzi