Theory

Alice Signori
12 luglio 2017

La collezione primavera-estate 2018 segna il debutto del designer Martin Andersson per Theory. Le radici svedesi e il decennio passato in COS hanno sicuramente lasciato il segno: la linea semplice e pulita dei capi e l’utilizzo del puro tinta unita rimandano ad una essenzialità nordica.

Omaggio invece alle radici newyorkesi del brand sono l’assortimento e lo stile della collezione, infusa dell’informalità e del mix-and-match che si respirano per le strade della City. Non stupisce, quindi, vedere giacche a doppio petto indossate sopra bermuda, o scorgere il cappuccio della felpa sotto un capospalla dal taglio più elegante o ancora indossare un vestito semi-casual con un berretto a visiera. Così come la neutralità dei colori viene inaspettatamente spezzata dall’introduzione di maglieria o capispalla dai toni accesi. Minimalismo nordico ed originalità americana: la primavera 2018 secondo Andersson.