Tory Burch

Luca Antonio Dondi
16 febbraio 2016

Raffinata, allegra, moderna ma con un retrogusto retrò, sobria e per questo efficace: è la collezione autunno-inverno 2016/2017 presentata da Tory Burch durante la fashion week newyorkese.
In passerella, grandi classici del guardaroba femminile, rivisitati e reinterprati con una modernità bon ton: i rombi dei classici pullover si fanno maxi, la blusa in seta e gli abiti scivolati hanno stampe quasi optical, l’abito-tunica si spezza in gonna e top, la polo si fa color block. Evidente è anche e soprattuto l’ispirazione mutuata dal mondo equestre, tanto caro alla stilista: protagonisti i pantaloni da cavallerizza dentro bassi stivali high-knee, stole in cashmere e coperte trapuntate simili a quelle usate per coprire i cavalli diventano raffinati cappotti e piumini, il motivo del morsetto si fa notare sulle bluse, le cinture e i bijoux, cavalli che sembrano usciti da un’antica urna greca decorano bomber e abiti.
Si sa che l’unione tra moda ed equitazione è sinonimo di classe e raffinatezza (da sempre lo dimostrano Ferragamo, Gucci ed Hermès), e anche Tory Burch, con questa collezione, ha voluto tirare fuori quell’eleganza sportiva, pratica e delicatamente frizzante che personalmente le appartiene.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10