Tory Burch

Jennifer Courson Guerra
13 settembre 2016

Tory Burch presenta, sulla passerella newyorkese, una collezione impregnata di quello stile American Chic che negli anni Sessanta fece la fortuna della moda statunitense: un po’ preppy, un po’ classica, a volte giocosamente bohemienne. Il défilé della stilista è nostalgico ma rilassato, fedele alle radici ma contemporaneo.

Tante stampe decorano i vari outfit, dal check al batik, dal paisley al navy; così come tanti sono i colori, vibranti e accesi, sapientemente mescolati al bianco, senza una punta di nero. La collezione è estiva, fresca e vacanziera, tra pantaloni ampi e dritti, long dress, tuniche e crop top. Tornano capi iconici, senza troppe rivisitazioni, come il cardigan profilato che si accende di un bel verde brillante, e tessuti classici: maglia, twill, cotone, lino.

La donna di Tory Burch gioca a fare la signorina a modo ma si diverte anche a indossare i panni della hippie, senza mai perdere quell’aria chic che la contraddistingue. Numerosi gli accessori, che richiamano le stampe degli abiti, con foulard e borse a mano rigide, e i gioielli con maxi perle. Le calzature si snodano in ciabattine flat ricoperte di perline, mocassini, sneakers, mules e ankle boots scamosciati.

  • 10
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9