Tory Burch

Laura Gioia
8 settembre 2017

Un pic-nic in giardino. Una scampagnata hippy, ma elegante. Donne eteree, vestite di bianco, sfilano alla New York Fashion Week e svelano la primavera-estate 2018 secondo Tory Burch.

Allestita nel prato verde con tanto di vasi, cespugli e piante rigogliose del Cooper Hewitt Smithsonian design museum, la passerella rimanda a un’atmosfera campestre dai toni chic. Protagonisti sono abiti dalle nuance neutre, con qualche punta di colore data da geometrie botaniche (ispirate all’opera dell’interior designer David Hicks). Casacche e camicie con collo alla coreana sono indossate su pantaloni palazzo; sari occidentalizzati e caftani da città vengono esibiti su sneakers bianche o sandali. La regola è quella delle flat shoes. Maxi bag a mano o a tracolla completano un quadro accessori fatto anche di collane a doppio giro e amuleti pendenti. E tutto sembra essere al suo posto.

I look sono studiati nel minimo dettaglio e niente viene lasciato al caso. Perché la donna di Tory Burch è attenta agli abbinamenti: una figura che non vuole necessariamente stupire, ma non cade mai nel banale.