Versace

Lucrezia Brunello
12 gennaio 2013

Look da gangster di fine anni ’80-inizio ’90 per Donatella Versace, abiti che sembrano rubati alle fotografie di Amy Arbus o all’armadio di Michael Jackson. Parola d’ordine: volume. Spalle ampie e pantaloni larghi caratterizzano le forme esagerate dei completi in principe di Galles, gessati, spigati e, perchè no, zebrati. Niente passa inosservato. Forte è il richiamo allo stile da strada con i graffiti e il denim. Ricami jacquard dipinti a mano sono simbolo dell’estrema cura prestata alla realizzazione di capi preziosi, estrosi, come la linea che ricorda la lingerie femminile. Al mix di colori e tessuti si alternano gli abiti tono su tono: azzurro, blu e bianco.

Lucrezia Brunello