Xu Zhi

Alice Signori
25 febbraio 2017

Ispirata all’arte concettuale di Ragnar Kjartansson, la collezione Autunno-Inverno 2017/2018 di Xu Zhi descrive un’interezza che si compone nella sovrapposizione delle parti. Gli abiti sono fortemente materici e movimentati: linee discordanti, frange e tagli che ci riportano ad un unicum scaturito dalla somma di parti diverse. Il messaggio dello stilista ruota intorno all’idea che, anche in un mondo dominato da reti di conoscenze reali o virtuali,  gli individui siano naturalmente soli. Le stesse reti che si ritrovano sugli abiti e che sono ricreate attraverso la tecnica di “brading yard”, o intrecciato, che applicata strato dopo strato sembra riprodurre il processo di lavorazione dei capi. Maestria stilistica e concept innovativo: il brand cinese invitato a sfilare nel prestigioso Teatro Armani, sotto l’egida di Giorgio Armani e CNMI, riesce ad accostare arte e moda su un’unica passerella.