Yigal Azrouël

Vittorio Francesco Orso Ferrari
9 settembre 2016

Il mondo della natura e un’antichità ormai perduta ispirano le proposte primavera-estate 2017 firmate Yigal Azrouël, di scena alla New York Fashion Week.
Foglie, felci, colibrì e rami si mimetizzano sui capi della collezione, alternandosi a simboli e scritte antiche, quasi a formare lunghi papiri di geroglifici. L’Africa e il Medio Oriente pervadono ogni vestito, donando un tocco safari ad abiti, gonne e camicie.
I colori sono quelli di queste terre: beige sabbia, verdone, marrone e nero tingono dalla prima all’ultima uscita, con qualche punta più accesa di azzurro, rosso e rosa salmone.
In questo mondo incontaminato non mancano accenni dal gusto elegante, come il pizzo trasparente di vestiti che sembrano copricostumi da sera, i ricami delicati e le maniche vaporose.
Il look è completato da bassi sandali neri in pelle, intrecciati sul polpaccio o alla cavaglia, comodi e sportivi, ma dal tocco glam.
Una donna avventurosa, portatrice di un messaggio quasi spirituale e in grado di vivere in sintonia con la natura che la circonda.

  • 10-yigal-azrouel-spring-2017-rtw
  • 01-yigal-azrouel-spring-2017-rtw
  • 02-yigal-azrouel-spring-2017-rtw
  • 03-yigal-azrouel-spring-2017-rtw
  • 04-yigal-azrouel-spring-2017-rtw
  • 05-yigal-azrouel-spring-2017-rtw
  • 06-yigal-azrouel-spring-2017-rtw
  • 07-yigal-azrouel-spring-2017-rtw
  • 08-yigal-azrouel-spring-2017-rtw
  • 09-yigal-azrouel-spring-2017-rtw