Zimmermann

Ottavia Pomini
13 febbraio 2017

Zimmermann, brand australiano noto per il suo stile sofisticato e altamente femminile, cambia rotta, presentando sulle passerelle della New York fashion week, una collezione per l’autunno-inverno 2017 dal sapore androgino.
Nicky Zimmermann, direttore creativo della griffe, si ispira agli anni ’20, in particolare a una serie di vecchie foto d’epoca, che ritraggono alcune donne dallo spirito temerario, in abiti dall’allure maschile. La linea, intitolata “The Maples”, dal nome di una casa che ospitava le studentesse della University of Sidney durante la Prima Guerra Mondiale, mixa elementi femminili a capi in pieno stile boyish, definendo un’ideale di donna indipendente, energica e sicura di sé.
Sulla passerella sfilano outfit dagli insoliti accostamenti: abiti in pizzo trasparenti si intravedono sotto cappotti oversize in sherling, gonne a balze con strascico d’ispirazione Charlestone sono abbinate a capi lingerie e decorate da scintillanti paillettes. I pezzi ispirati al menswear sono caratterizzati da un preciso taglio sartoriale, come i blazer gessati con spalle quadrate, in bianco e nero o a strisce colorate dal mood preppy rocker e completi in check dalla silhouette oversize che emanano fresche vibrazioni. Ai piedi, lunghi stivali in pelle a punta che ricoprono quasi interamente le gambe.
Una collezione androgina e dallo spirito vintage, che tuttavia, grazie a forti contrasti stilistici, riesce a far emergere la bellezza e la sensualità delle donne moderne.