I nostri blog

Shopping Online

staff
27 novembre 2011


Sono entrata nel pericoloso circolo vizioso dello shopping online.
Con immenso ritardo rispetto ad amici e conoscenti, ma alla fine ce l’ho fatta.
Tutto è iniziato con la ricerca disperata di alcuni vinili rari per mio marito e così ho girovagato per i vari amazon, passando per ebay, e da lì il passo su yoox, privalia, groupon è stato brevissimo.
Con mia enorme sorpresa ( perdonate l’ignoranza) ho scoperto che è possibile comprare online anche da Zara, H&M & Co.
Pessima scoperta. Ho passato diverse mattinate a versare soldi sulla postepay per poi finirli in 5 minuti sul sito di turno.
Per fortuna non posso permettermi niente che provenga dal godurioso LuisaviaRoma, altrimenti avrei toccato la bancarotta nel tempo di un caffè.
La cosa che non mi soddisfa è l’attesa dell’arrivo di pacchi e pacchettini.
Per non parlare dei ritardi.
Quando compro qualcosa di solito non posso resistere e la indosso la sera stessa o male che vada il giorno dopo. Così invece sono costretta a guardare e riguardare il mio armadio pieno di cose ormai “vecchie” e sperare che il mio nuovo acquisto compaia sull’uscio magicamente appena clicco invio.
E’ vero, lo shopping online è comodo, veloce, si trovano tutte le taglie, tutti i colori e tutti i capi di ogni collezione.
Ma volete mettere l’emozione di toccare con mano abitini, shorts, collane, scarpe, giacche e girare tra scaffali e scarpiera, uscire da un negozio ed entrare in un altro con una bella pausa aperitivo ne mezzo per riordinare le idee?
Ho deciso che lo shopping online sarà solo per le giornate di febbre o freddo esagerato.
Io e il mio portafoglio pensiamo che sia meglio così.

 

Sheena