Advertisement

Sì, è così che vogliamo essere… contagiose!

Patrizia Eremita
27 gennaio 2013

Eccoci al primo post di “Professione Mamma!”, una nuova avventura che voglio affrontare con carica positiva ed una ventata di entusiasmo. Ecco perché ho voluto prendere spunto da un breve ma intenso articolo di Michele Serra che, riferendosi alle parole di Renzo Arbore dedicate alla scomparsa Mariangela Melato, ha deciso di raccontarci quanto speciali siano le donne – del resto noi lo sapevamo già, ma è sempre bello sentirselo ricordare da qualcun altro!

Le donne approfondiscono, si impegnano, si appassionano, soprattutto non sono mai superficiali in ciò che fanno, “nei sentimenti, nel lavoro, nel maneggiare le cose della vita”. E quel che mi piace leggere in chiusura è che “le donne, per nostra fortuna, sono contagiose”.

Queste parole mi hanno fatto pensare a quanto sia vero che le donne di oggi, come di ieri, siano state in grado di costruirsi un universo fatto di grandi energie e passioni, proprio grazie a questa loro capacità di inventare, di reinventarsi, di creare, di costruire, di crescere sempre, la capacità recente di far sempre di più rete e networking. Soprattutto la voglia di essere e di partecipare alla vita sociale di questa nuova Italia che si sta delineando, e che ci auguriamo fortemente avrà modo di “includere” i talenti femminili. Talenti troppo spesso soffocati o dimenticati, ma che aspettano solo l’occasione giusta per esplodere in tutto il loro slancio positivo.

Sono infatti tantissime le donne che mi è capitato di incontrare nella mia avventura lavorativa di questo ultimo triennio. Continuano a stupirmi: non si perdono d’animo, non vogliono accontentarsi, vogliono rendersi utili e in special modo non vogliono arrendersi. Avere tanto, tantissimo da fare non le spaventa affatto, purché possano dire la loro e abbiano il giusto spazio per esprimersi.

Tra salti mortali e incombenze quotidiane, alla fin fine ce la facciamo sempre. E’ la nostra arma segreta, il dono più grande che madre natura ha saputo donarci. E che dovremmo condividere, “contagiando” chi ci sta intorno.

Non pensate anche voi che sarebbe bellissimo?

Patrizia Eremita
www.mammaelavoro.it