Children's

Speciale Pitti Bimbo 80

Martina D'Amelio
25 gennaio 2015

il-gufo-copertina

Chiude i battenti l’edizione numero 80 di Pitti Bimbo a Firenze: un susseguirsi di sfilate ed eventi per un autunno-inverno 2015/2016 in taglie mini all’insegna della natura e dei cartoon.

Una tre giorni (dal 22 al 24 gennaio) intensa ma rilassata, esattamente come il tema dei saloni di Pitti Immagine, Walkabout Pitti, reinterpretato in un cammino a misura di bimbo dalla designer Ilaria Marelli. Sfilate dove protagonisti sono piccoli e divertenti modelli (poche, probabilmente come effetto della crisi) e nuove collaborazioni festeggiate da eventi charity e green (tante) hanno animato la kermesse fiorentina giunta alla sua 80esima edizione. Un segno di speranza, grazie al mercato estero che continua ad amare (e comprare) la moda bimbo italiana, nonostante un calo sensibile dei compratori russi del 40%.

Il cammino tra le tendenze del prossimo autunno-inverno parte idealmente con la sfilata del Il Gufo: una passeggiata nel bosco a passo di stile per il brand, che su una passerella addobbata per l’occasione con alberi e foglie ha presentato una collezione per il prossimo autunno-inverno all’insegna della natura, disegnata con i colori dell’autunno (il giallo, l’arancio, il cioccolato, il verde), fatta di capi in maglia jacquard, capispalla come montgomery e husky da perfetto esploratore e pellicce ecofur per le bambine. Atmosfere safari si ritrovano sulla passerella di Philipp Plein, che per la sua piccola tribù crea un look metropolitano d’assalto, fatto di stampe tribal, dettagli felini e tonalità military. Arriva dalla montagna invece l’ispirazione per la collezione di Sarabanda, presentata come un Sogno d’una notte d’inverno: una sfilata-evento portata in scena dalla Compagnia Parola Bianca di Modena. Una favola ambientata in un vero e proprio bosco incantato è quella andata in scena invece nella sala del Rondino e presentata dai marchi spagnoli di Children’s Fashion from Spain, tra i quali hanno sfilato Tuc Tuc e Desigual. 120% cashmere ha celebrato con un party vegan la propria collezione interamente realizzata nel filato naturale per eccellenza, mentre Fracomina Mini ha ospitato un divertente recycling game con la conduttrice di Paint Your Life Barbara Guglienetti. L’ispirazione naturale e paesaggistica continua sulla passerella di Monnalisa, fatta di capi che ricordano cime innevate, fiori, scorci incontaminati, e per contro città e skyline modernissimi, andata in scena al Tepidarium del Roster. Un filone ripreso tra gli stand in Fortezza da I Pinco Pallino, che presenta una collezione dal tema A Walk in Central Park, presidiata dalla star Zhang Ziyi, attrice di Memorie di una Geisha, volto del brand per una capsule collection speciale.

Non solo atmosfere da favola, ma anche stilemi retrò e cartoon hanno caratterizzato l’edizione numero 80 di Pitti Bimbo: Miss Grant Couture punta tutto sugli anni Cinquanta per un look bimba dall’animo vintage divertente e fashion. Gli abitini a trapezio la fan da padrone – come il modello di punta Anita in rosso fuoco dal colletto gioiello – e si abbinano a micro pellicce pied de poule. E se la passerella di Fun&Fun è stata conquistata dai Looney Tunes e la Fortezza dai Saurini, i dinosauri del cartone animato prodotto da Animundi e Raifiction, Alessandro Enriquez è sceso in campo col progetto Fashion Comics, una capsule in limited edition con protagonisti Titti e Bugs Bunny, interpretata da importanti player del childrenswear come Ice Iceberg, Msgm, Roberto Cavalli e Missoni e in vendita in esclusiva presso lo store fiorentino LuisaViaRoma. Parte del ricavato delle vendite verrà devoluto in beneficenza alla onlus Orphanaid Italia per il progetto Love+Children, che combatte la malnutrizione infantile in Ghana. Tra i tanti altri eventi charity&fashion, Silvian Heach ha ospitato nel suo stand Change in a book, l’appuntamento fortemente voluto dal Gruppo Arav in partnership con la Onlus internazionale Plain Ink che aiuta i bambini in difficoltà, presentato dalla splendida Maria Grazia Cucinotta.

Un’altra edizione di Pitti Bimbo chiude così i battenti e regala quel mix di fashion, solidarietà e novità che tanto piace ai buyer esteri e rappresenta a tutto tondo la creatività in taglie mini italiana.

In copertina: Il Gufo @ Pitti Bimbo 80


Potrebbe interessarti anche