Advertisement
Gossip

Spot Desigual censurato in Spagna: per avere un bambino devi bucare i preservativi

Giulia Ruggeri
9 maggio 2014

0586a550-d55a-11e3-a616-e357b1e35f36_mothers-day

Il noto brand catalano Desigual a fatica, da anni, riesce a cambiare le coloratissime e sobrie fantasie dei suoi capi d’abbigliamento, dimenticandosi di proporne delle nuove. Sarà che ultimamente i creativi del brand preferiscono incanalare le loro energie  nella creazione delle loro campagne pubblicitarie…

L’anno scorso era stato il turno dello spot capitanato dallo slogan #falloalmattino, trasmesso in Italia in versione light per la presenza di scene di nudo e di un vibratore che comparivano nella pubblicità originale.

Ora, in occasione della festa della mamma, il brand è tornato all’attacco con un nuovo spot che è stato subito oggetto di una feroce polemica in Spagna per poi essere censurato.
Una bella ragazza – vestita ovviamente Desigual – si diverte davanti allo specchio mettendosi un cuscino sotto il vestito come se fosse un bel pancione da gravidanza; pochi secondi dopo la rivediamo intenta a bucherellare con sguardo malizioso dei preservativi mentre sotto compare lo slogan #tudecides, tu decidi.

Né l’idea né tantomeno l’intenzione sono state apprezzate, e così le polemiche non hanno tardato ad arrivare.
Quello che viene da pensare è che il brand volesse lanciare una provocazione, diffondendo una campagna pubblicitaria per le donne, facendo leva sull’idea di indipendenza e libertà di decisione che il gentil sesso dovrebbe sempre pretendere.
Il concetto di base non pare dunque malvagio, se non che la messa in pratica è stata piuttosto infelice, mostrando in scena una bellona che buca allegramente una fila di preservativi.
Insomma, la libertà di avere un utero qui sembra essere stata confusa con un’idea assolutamente caricaturale della donna e dell’uso che del suo corpo può fare. E la mini scritta in sovrimpressione “Finzione pubblicitaria. Non fatelo a casa” non ha ovviamente placato le reazioni negative, soprattutto da parte del pubblico di internet.

desigual Collage

Alcuni considerano la pubblicità beceramente maschilista, non apprezzando il comportamento proposto, leggero e pericoloso, altri non hanno approvato l’idea che per rimanere incinta sia necessario ricorrere all’inganno (punterallando i condom), altri ancora invece hanno visto nello slogan #tudecides un richiamo decisamente inappropriato al più impegnato e profondo #Yodecido, slogan per la campagna mediatica e politica del partito popolare di Rakoy contro la legge antiabortista del governo. Ovviamente non tutti l’hanno presa così male, qualcuno l’ha trovata semplicemente ironica, senza badare troppo al sotto testo.
Sta di fatto che su Youtube il video dello spot ha già avuto più di 2 milioni di visualizzazioni, sono già nate delle parodie alquanto divertenti e il chiacchericcio non si placa.
In azienda intanto per ora tutto tace: non sono ancora arrivati ripensamenti  o scuse ufficiali.
Insomma, se lo scopo era quello di far parlare più di politica pubblicitaria che di fashion, Desigual ha fatto davvero centro…

Giulia Ruggeri


Potrebbe interessarti anche