Lifestyle 2

Stile e organizzazione: l’assistente personale di ogni donna manager si chiama Paperblanks

Barbara Micheletto Spadini
12 luglio 2011


Corri di qua, corri di là: tra appuntamenti, telefonate e traguardi da raggiungere si rischia di perdersi nella confusione. In mezzo a giornate fitte di impegni, anche la più efficiente delle donne in carriera ha bisogno di un aiuto prezioso per riuscire a organizzarsi al meglio.
Appuntarsi le idee più brillanti, annotare gli impegni quotidiani, fissare su carta impressioni e intuizioni… i meravigliosi quaderni di Paperblanks sono i compagni di eleganza e di stile indispensabili per le donne manager del nuovo millennio.
La collezione Sensibilità Romantica si spira alla visione romantica di un mondo in cui delicatezza e raffinatezza si combinano alla perfezione.
Questa collezione è pensata per raccogliere i pensieri e le ispirazioni nate nei momenti in cui “l’impulso di genio” – tanto caro ai sognatori del XIX secolo – porta alle migliori creazioni.
Le fantasie di questi diari ricordano l’antica rilegatura in pelle sbalzata in oro del volume “Memorie poetiche di Henry Kirke White di Nottingham”, con copertine che esaltano il lato romantico di ogni scrittore.
Il modello “delicatezza e le sue delizie”, è il perfetto punto d’incontro tra colore e stile, da portare con sé a lavoro e nel tempo libero.

 

A proposito di Paperblanks..
Paperblanks è un brand che fa parte di Hartley Marks & Publishers, compagnia canadese fondata nel 1973 da Vic Marks, con sede europea in Irlanda. Paperblanks produce agende e diari unici da oltre vent’anni, con una grande attenzione alla qualità dei materiali, al rispetto per l’ambiente e per gli artigiani che lavorano all’interno delle rilegatorie.
Paperblanks crede che la parola scritta su un foglio bianco svolga un ruolo essenziale per tramandare la pratica della scrittura stessa.
Scrivere su una Paperblanks è una vera terapia per l’anima, per fissare i propri pensieri, siano essi appunti di un viaggio intorno al mondo o pensieri casuali e più intimi.

 

Barbara Micheletto Spadini


Potrebbe interessarti anche