Advertisement
Style of the week

Style of the week: Kelly Osbourne

Valentina Nuzzi
4 novembre 2012

Un cognome che racchiude un pezzo di storia della musica, un look degno di una trasformista.

Kelly Osbourne, londinese classe 1984, è conosciuta ai più per essere la figlia dell’eccentrico leader dei Black Sabbath poi solista Ozzy Osbourne e per la sua immagine e la sua personalità altrettanto appariscente che siamo certi abbia ereditato dal padre.

Una strada spianata nel mondo dello spettacolo la sua, che ha saputo diversificare in molteplici attività. Il suo debutto come attrice avviene nel 2004 grazie alla serie di Mtv “Life as we know it”, in cui interpreta Deborah, una giovane alle prese con i problemi di un gruppo di adolescenti al liceo.

Dal 2002 al 2005 la stessa rete Mtv ha gettato i riflettori sull’intera famiglia Osbourne, dando vita all’esilarante “The Osbournes”, reality che ha mostrato al mondo le giornate, i problemi e i momenti più intimi di questa famiglia decisamente fuori dal comune.

Nello stesso 2002 Kelly compie inoltre il suo debutto discografico con l’album solista “Shut Up”, trainato da una cover di Madonna, “Papa don’t preach”, e ristampato l’anno successivo con l’aggiunta di un duetto con il padre, “Changes”, nonché cover di un brano dei Black Sabbath.

L’album è seguito nel 2005 da un secondo lavoro solista della Osbourne, “Sleeping in the nothing”, lanciato grazie al singolo di ispirazione 80s “One word”. Dopo la musica e la recitazione, Kelly non si è fatta mancare neppure collaborazioni nel fashion system, essendo già di suo un’icona di stile del tutto peculiare. Nel 2004 ha infatti dato vita, insieme all’amica Ali Barone, a “Stiletto Killers”, linea di abbigliamento dai richiami rock con riferimenti punk e cartoons, chiusa poi nel 2006, anno in cui diviene il volto a livello mondiale del marchio londinese Accessorize.

Abbandonata la carriera di designer, dal 2011 la Osbourne è corrispondente fashion per il canale via cavo statunitense E! e siamo certi che sentiremo ancora molto parlare di lei in futuro.

 

Valentina Nuzzi


Potrebbe interessarti anche