Woman

Sua altezza il cuissardes

Jennifer Courson Guerra
14 dicembre 2016
Dal catwalk allo street style, i cuissardes conquistano tutte: da sinistra, Bella Hadid, Kylie Jenner, Alessandra Ambrosio e Emily Rataijkowski.

Dal catwalk allo street style, i cuissardes conquistano tutte: da sinistra, Bella Hadid, Kylie Jenner, Alessandra Ambrosio e Emily Rataijkowski.

L’inverno degli accessori vola alto con gli stivali cuissardes. Direttamente dal mondo dell’equitazione, le calzature over-the-knee garantiscono glamour e protezione dal freddo a tutte le ore dalla giornata. Easy con jeans e pantaloni stretch, sensuali con mini dress e mini skirt, boho con le gonne midi: i cuissardes hanno mille anime fashion.

Negli anni ’60, quando la moda la dettavano Paco Rabanne e Yves Saint Laurent, gli stivali a gamba alta erano una vera e propria mania. Nancy Sinatra dedicò loro persino una canzone, l’iconica “These boots are made for walking”. E i cuissardes sono tornati per camminare ancora sulle passerelle dell’autunno-inverno 2016/17.

Da sempre i cuissardes sono un accessorio iconico nel mondo fashion: negli anni ’60 Jane Birkin li indossava sopra ai jeans e nel film del 1968 “Barbarella” Jane Fonda lanciò la moda degli altissimi stivali bianchi. Chi non ricorda poi i cuissardes in vernice di Julia Roberts in “Pretty Woman”? Persino la regina delle passerelle Kate Moss ha fatto dei boots over-the-knee il suo marchio di fabbrica.

Da sempre i cuissardes sono un accessorio iconico nel mondo fashion: negli anni ’60 Jane Birkin li indossava sopra ai jeans e nel film del 1968 “Barbarella” Jane Fonda lanciò la moda degli altissimi stivali bianchi. Chi non ricorda poi i cuissardes in vernice di Julia Roberts in “Pretty Woman”? Persino la regina delle passerelle Kate Moss ha fatto dei boots over-the-knee il suo marchio di fabbrica.

Se la scorsa stagione avevamo assistito alla loro timida (ri)comparsa, quest’anno possiamo goderci la loro completa fioritura tra decorazioni, ricami, pellami, crazy colors, tacchi altissimi e super flat. Valentino e Balmain rilanciano gli storici sock-boots, un ibrido tra un paio di décolleté e una calza, avvolgenti e super sexy. Le texture del momento sono il velluto e il suede, anche se, come sempre, i guru della moda non mancano di stupirci con tocchi vynil e una pioggia di sequins.

E tu, come preferisci i cuissardes? Statement, classici o sofisticati? Scopri nella gallery 15 stivali must have!

  • Cosa c’è di più fashion del velluto? I cuissardes beige firmati Stuart Weitzman.

  • I cuissardes più chic sono quelli scamosciati di Aquazzura, decorati con applicazioni dorate.

  • Gambale largo e rosa baby per gli stivali in camoscio di Sergio Rossi.

  • Ermanno Scervino firma questi boots avant-garde, caratterizzati dalla punta e dal tacco kitten heel.

  • Pronta per viaggi spaziali nel cosmo fashion? Con i cuissardes ricamati di Valentino, spicchi il volo tra stelle e pianeti.

  • Troppo freddo per le décolleté? Opta per gli stivali-calza di Balenciaga, che uniscono le classiche pumps in vernice al gambale in velluto blu.

  • Mix & match di grafismi per gli stivali scamosciati di Casadei, resi unici dalle cuciture a vista.

  • Sensualità a go-go per i vertiginosi cuissardes Balmain che nella tonalità ghiaccio si abbinano perfettamente al little black dress.

  • Gli stivali over-the-knee firmati Saint Laurent con tacco flat e gambale largo: eleganza senza tempo.

  • Per un look punk-chic, i cuissardes di Laurence Decade hanno il tacco chunky, la zip frontale e un gioco di borchie e nastri.

  • Gli stivali-calza sono un grande trend di stagione: questi di Roksanda, nell’it-color burgundy con tacco dorato sono davvero chic.

  • Una grande fibbia sulla caviglia dà carattere ai boots in camoscio blu proposti da Giuseppe Zanotti.

  • L’iconico nodo di N°21 non risparmia nemmeno gli altissimi cuissardes in pelle spazzolata.

  • Per le fan di Barbarella, gli stivali Proenza Schouler con tacco argentato e punta a contrasto hanno una perfetta allure anni ’60.

  • Per brillare durante le feste, i boots di Roger Vivier si accendono di mille pailletes.


Potrebbe interessarti anche