Fitness & Wellness

Superare indenni la prova costume!

Alessio Rinelli
23 giugno 2014

prova_costume

Siamo a giugno e le vacanze estive sono alla soglia. Chi di noi si sente davvero pronto ad esporre il proprio fisico sul bagnasciuga e nei diversi contesti di relax vacanziero? Sicuramente pochi.

Questa consapevolezza è dovuta a numerosi fattori: lo scarso impegno sportivo sostenuto nel corso dell’anno, la riduzione dell’attività fisica dovuta al caldo o, spesso, alle necessità lavorative o di studio che si concentrano nei mesi precedenti alla pausa estiva. Talvolta la colpa è connessa alla scarsa dose di volontà. Talora invece a cause esterne. Fatto sta che studi statistici dimostrano come l’insoddisfazione verso il proprio stato fisico sia largamente diffusa fra gli italiani, molti dei quali si ritengono, a torto o a ragione, sovrappeso. Senza farsi prendere da pericolosi eccessi autocritici e rimanendo realisti e pragmatici, come possiamo reagire a questo inappagamento? A questo scontento dalle forti implicazioni emotive? Certamente senza piangersi addosso, bensì rimboccandosi le mani e assumendo una serie di impegni precisi verso il proprio corpo. Il tempo è poco, non si possono fare miracoli. Ma certamente si può impostare una serie di comportamenti che favoriranno parzialmente un rapido miglioramento fisico, la cui immediata constatazione può determinare ottimi effetti psicologici. Così rileva efficacemente Michele Cucchi, psichiatra e Direttore Sanitario del Centro Medico Santagostino di Milano: “Il peso perfetto è un trappolone. Più ci avvicineremo all’obiettivo più ci sentiremo vulnerabili, insicuri, perché è tutto un problema di autostima e non di oggettività. La sicurezza è l’atteggiamento delle persone che sanno di non essere perfetti e non si sentono per questo sbagliati. Chi delega al canone perfetto la propria felicità è condannato a sentirsi rivedibile e finisce per non piacere nemmeno agli altri”.

Di seguito alcuni consigli per conseguire un miglioramento adatto a una prova costume lampo:
–  Svolgere quotidianamente cinque pasti, accrescendo l’efficenza del metabolismo
– Mangiare ampiamente frutta e verdura
– Bere almeno 1,5-2 litri di acqua al giorno
– Limitare il consumo di dolci, grassi saturi e alcolici
– Alzarsi da tavola non pienamente sazi
– Svolgere attività fisica quotidianamente, anche in situazioni di routine, preferendo ad esempio le scale all’ascensore
– Adottare un efficace approccio mentale, ironizzando sui propri difetti e valutando con gioia ogni singolo miglioramento

Seguendo questi semplici passaggi con serietà e costanza otterrete sicuri miglioramenti. Sono principi arcinoti, ma spesso trascurati proprio per la loro semplicità

Alessio Rinelli