Musica

Teatro alla Scala: il balletto “Roméo et Juliette” di Sasha Waltz inaugura la Stagione

Emanuela Beretta
7 gennaio 2013

L’apertura della Stagione di Balletti scaligera è stata inaugurata venerdì 28 dicembre con un debutto nazionale: “Roméo et Juliette”, firmato dalla coreografa Sasha Waltz, una delle figure più importanti del teatro e della danza contemporanei, ispirata dalla “Sinfonia Drammatica” di Hector Berlioz – e diretto da James Conlon-  accanto a tre voci soliste: Ekaterina Semenchuk (mezzosoprano), Leonardo Cortellazzi (tenore) e Nicolas Cavallier (basso) che, insieme al Coro del Teatro alla Scala diretto da Bruno Casoni, hanno il compito di anticipare la tragedia e commentare gli eventi.

“Roméo et Juliette” è un’opera coreografica creata nel 2007 per l’Opéra di Parigi e riunisce sul palcoscenico ballerini, orchestra e coro, con l’intento di muovere tutta la scena. Un balletto essenziale, basato sulla fluidità del gesto e del corpo, un’opera impegnativa pensata in uno spazio atemporale, che esalta l’intensità interpretativa e drammatica della storia e apre all’emozione.
Le étoiles Aurélie Dupont -una Giulietta soave e delicata – ed Hervé Moreau – un Romeo forte e sensuale – sono gli artisti che hanno portato in scena per primi a Parigi l’opera.
Mick Zeni, primo ballerino scaligero nel ruolo di un carismatico Padre Lorenzo, trascende dalla pura bellezza del personaggio e recita con sapienza e fisica maestria.
Il Corpo di Ballo, superlativo, ha affrontato con sapienza le difficoltà di un linguaggio non convenzionale, sensuale e creativo.
Magnifici i costumi di Bernd Skodzig nella loro struttura  rigorosa e semplice.
Otto minuti di meritatissimi applausi per uno spettacolo assolutamente unico.

Il 2, 5 e 8 gennaio, debutteranno Emanuela Montanari con Antonino Sutera accanto a Mick Zeni nel ruolo di Padre Lorenzo. Il 3 e 4 gennaio cambio di cast, con Petra Conti, Eris Nezha e Alessandro Grillo, rispettivamente Giulietta, Romeo e Padre Lorenzo.

Emanuela Beretta


Potrebbe interessarti anche