Arte

Teodolinda: il Duomo di Monza ha di nuovo la sua regina

Elisa Monetti
18 ottobre 2015

copertina

Un restauro iniziato nel 2008 ci restituisce oggi le storie della regina Teodolinda, riportate al loro fiabesco splendore nel Duomo di Monza.

Regione Lombardia, Fondazione Gaiani, World Monuments Fund, Marignoli Foundation e Fondazione Cariplo hanno reso possibile un intervento che ha dell’eccezionale da molte prospettive: un’equipe internazionale con mezzi d’avanguardia tutti al servizio della corona di Teodolinda che dal 16 ottobre 2015 ha finalmente rivisto il sipario alzarsi sulle sue 45 storie opera magistrale degli Zavattari.

Basandosi sulle leggende legate alla figura di Teodolinda (570-627), sovrana longobarda fondatrice della chiesa, l’opera vuole raccontare l’incanto della vita cortese creando un parallelo con la successione dinastica, dai Visconti agli Sforza, che – al momento della realizzazione della cappella – era prossima concretizzarsi con il matrimonio tra Bianca Maria Visconti e Francesco Sforza.

Una corrispondenza che si deve leggere come il forte desiderio di ritrovare nel ducato lombardo di metà ‘400 la serenità della corte longobarda.

Storia questa che gli Zavattari affidano al viso perlaceo di una Teodolinda, vestita alla moda del 1400, ai loro fondi dorati e al loro disegno di sublime dolcezza, storia che ora torna ad essere viva per raccontarsi. “Questi importanti risultati e successi confermano quanto sia possibile fare per l’arte e per il patrimonio culturale aprendo così un nuovo futuro per la cappella”, dice Monsignor Silvano Provasi, Arciprete del Duomo di Monza.

L’inaugurazione ha riscosso un successo tale da costringere non pochi a dover rimandare la visita per via di una coda degna della corona. L’invito resta aperto, quando può ricapitare di essere ricevuti da una vera regina?

 

Cappella di Teodolinda
Duomo di Monza
Orari:
Lunedì 15:00 – 18:00
Martedì / mercoledì / giovedì / venerdì / sabato 9:00 – 18:00
Domenica 14:00 – 18:00


Potrebbe interessarti anche