Advertisement
News

The Color Run 2016: main sponsor Benetton con la sua prima linea sport

Azzurra Bennet
6 marzo 2016

United-Colors-of-Benetton-the-sport-collection

The Color Run è una corsa di 5 km, non competitiva, nella quale migliaia di partecipanti vengono cosparsi ad ogni chilometro di colori eco friendly sulle tonalità del blu, rosa, giallo e verde. Nata negli Stati Uniti nel 2012, l’iniziativa è stata esportata in vari paesi del mondo, compresa l’Italia, dove ha riscosso un notevole successo.
Le regole sono molto semplici: bisogna presentarsi alla linea di partenza vestiti di bianco e arrivare totalmente ricoperti di colori al traguardo. La “competizione” non è solo una corsa, infatti il punto di incontro si trasforma sin dal mattino in un luogo denso di attività divertenti: giochi, balli e musica offerta da Radio 105. Paolo Bellino, Direttore Generale di Rcs Sport afferma: “The Color Run è la corsa dei record in tutto il mondo, ma possiamo dire con grande orgoglio che al di fuori degli USA, l’Italia è quella che ha i numeri più eclatanti. Nel 2015 maggior numero di partecipanti totali, 126.000 in 8 tappe, e maggior numero di partecipanti per una singola tappa, raggiunto a Torino con 25.000 persone. Come naturale conseguenza è arrivato il Premio Best International The Color Run 2015, conferitoci dall’ideatore americano Travis Snyder».
Un’importante novità è dettata quest’anno dallo sponsor ufficiale: United Colors Of Benetton, che ha deciso di optare per un’operazione di marketing legata all’active lifestyle in concomitanza con il lancio della sua prima collezione sportiva, Natural Performance, in vendita da aprile e composta da felpe, T-shirt, top, leggings, pantaloncini e giacchine col cappuccio, realizzati con un mix di fibre naturali, come i filati di lana  merino, e termoregolatrici.
Il tema della Color Run quest’anno è “Tropicolor”. L’obiettivo? Combinare il divertimento della corsa con i piaceri di una vacanza su un’isola tropicale. I corridori verranno inondati di colori e durante il percorso troveranno una serie di allestimenti che rimandano a una vacanza alle Hawaii e musiche proprie di quei luoghi. Inoltre, a ogni runner sarà dato un Race Kit a tema e una nuova borsa headband con tatuaggi, una collana di fiori e la solita busta di colore in polvere.
Un ruolo determinante verrà svolto dalle Onlus: oltre ai Podisti da Marte, sono presenti altre realtà no profit che operano sia sul territorio nazionale sia a livello locale e che con i loro volontari si occupano di alcune fasi dell’evento, come la consegna delle pettorine e dei race Kit. Tra queste troviamo AGD Italia, un coordinamento tra Associazioni di Bambini e Giovani con Diabete, che offre informazioni e supporto ai giovani diabetici a livello nazionale.


Potrebbe interessarti anche