Sex

Ti amo, ma solo dietro ad uno schermo

Carol Seletti
9 aprile 2014

Copertina

I sentimenti navigano nelle tecnologie. Questo dimostra che, soprattutto ai giorni nostri, le passioni, a volte anche gli amori, possono nascere e crescere ovunque.

Un semplice PC può diventare così un racconto, un libro che racchiude emozioni vere. Prendiamo in considerazione il film – vincitore del premio Oscar – “Lei” di Spike Jonze: ciò che regna qui è l’assenza.

Her

Un’assenza che però non indica qualcosa che non c’è, bensì qualcosa che manca del tutto, ovvero il contatto fisico. Il protagonista infatti si innamora di un sistema operativo, con il quale condivide ogni emozione e sentimento, ma potrà solo averne un contatto diretto solo nella sua immaginazione. Inoltre Samantha, il nome di questa amante tecnologica, parla contemporaneamente con altre 640 persone, andando a rompere ciò che rafforza l’amore, ovvero l’esclusività. In una società in cui il sentimento non appartiene più solo all’umano, il senso di appartenenza che fine fa? Amore e passione rischiano di trasformarsi in una forma di solitudine.

online_love

Superando l’esempio del film, non a caso ambientato in un futuro POCO lontano dal nostro, il regista ha comunque colto un fenomeno che si sta sviluppando sempre di più. Gli uomini si avvicinano infatti ad un isolamento tecnologico, che li porta a virtualizzare tutto, anche il sentimento. È facile iniziare una conoscenza dietro ad uno schermo, attraverso una tastiera, ma questo “sentirsi senza sapersi” tipico dei social network rischia di rompere il gusto e le emozioni di un sano e timido primo appuntamento.

Attraverso internet possiamo idealizzare l’altro, ma ci mancano quei riferimenti concreti che ne permettono una valutazione più adeguata; primo fra tutti la comunicazione verbale. Siamo noi a colmare i vuoti con le idee che più ci rispecchiano, creando così un prototipo di uomo/donna immaginario che sembra sempre ideale ma poi dal vivo delude le aspettative. È il caso quindi di spegnere lo smartphone e uscire; il principe azzurro esiste, ma ci aspetta per un gelato.

Carol Seletti

Può interessarti anche: www.luukmagazine.com/it/un-amore-trascendente-per-lei


Potrebbe interessarti anche