Fashion

TJ Showroom di scena a Losanna

Lucrezia Brunello
11 febbraio 2013

La Svizzera non è più solo la patria del cioccolato e degli orologi. Oggi arte, design e moda si fondono tra loro.
La sfida parte da Losanna, graziosa cittadina sulle rive del Lago di Ginevra. Da un’idea di Chiara Travaglini e Siham Jmammou nasce TJ Studio, un ufficio di stile alla scoperta di giovani talenti. TJ Studio accompagna passo dopo passo i giovani designer partendo dalla scelta dei materiali alla promozione del brand, in un Paese dove la moda è ancora un emisfero da scoprire, ma non per questo privo di creatività, come testimoniano le numerose scuole sparse su tutto il territorio dove spicca  la Haute Ecole d’Art et de Design di Ginevra.

Il desiderio di emergere è il motore portante della seconda edizione di TJ Showroom Autunno/Inverno 2013-2014, un vero e proprio evento sospeso tra moda e arte ed un’insolita sfilata ambientata nel deposito dei mezzi pubblici tra copertoni, autobus e tram. Le diciassette collezioni presentate si dividono in womenswear  – Anggy Haif, Cliff Lee, C by Cliff Lee, Mahe Guyot, Margaux Bolle, Lamiration, Pascale Cornu, Seam Design, Tamara Pérez, Van Hongo –, menswear – DYL, Kokono  –, bambino – Frilo, Un Jour Je Serai –, scarpe – Low Weakness –,  pelletteria – Campo Marzio Design – e gioielli – Joyella. Sedici designer, un unico comune denominatore: la passione per la moda. Un concentrato di stili diversi, chiari e definiti che spiccano per la loro autenticità e naturalezza. Un libero sfogo di creatività, che non si lascia contaminare da ostentate manie o stravaganti tendenze. Solo pura e semplice espressione di modi di essere, di vivere, di vestire.

Femminile e sensuale la donna pensata da Cliff Lee, stilista dall’innato spirito anticonformista. Tessuti leggeri, eterei scivolano sul corpo e fluttuano ad ogni movimento. Uno stile sofisticato che viene riproposto in chiave giovanile nella linea C by Cliff Lee per ragazze che amano essere chic a qualsiasi ora del giorno.

Un ritorno al vintage per Michela Quadri, creatrice e produttrice dei suoi abiti e accessori donna firmati Lamiration. Lo stile è minimal, ma estremamente prezioso e curato nei dettagli. I mini abiti, gli shorts e le giacchine in velluto e seta trapuntati incantano gli occhi più esigenti. Le clutch in legno dal gusto decisamente retrò riescono a diventare attualissimi oggetti del desiderio.

Ecco allora che la Svizzera lancia un segnale luminoso in un panorama offuscato da pregiudizi e luoghi comuni, dove competere per un posto di gloria nell’Olimpo del fashion system diventa un’impresa quasi impossibile. Ma proprio per quel “quasi” vale la pena provarci. A vincere saranno come sempre la tenacia e l’originalità dell’effetto  sorpresa.

Lucrezia Brunello


Potrebbe interessarti anche