Advertisement
Men Woman

Tra sacro e profano

Alberto Corrado
24 aprile 2014

3

Ex voto o icone di santi e madonne, è una soluzione stilistica, sospesa tra il sacro e il profano, che affascina designer e azienda di lungo corso o promesse, attratti dal fascino di mescolare, senza l’intento di scandalizzare, un bene di lusso e di consumo con il simbolo concreto del rapporto tra uomo e la divinità nella sua massima condizione di fede e devozione.
A trarre ispirazione dall’iconografia religiosa sono numerosi artisti del designer e della moda.
Le cronache della moda attribuiscono l’introduzione a questo mood con Riccardo Tisci per Givenchy che nel 2008 fece sfilare un minidress con maniche a sbuffo, molto castigato con cucito al centro ex voto a forma di cuore. Più recentemente Dolce& Gabbana nell’ultima collezione hanno portato “madonne incoronate di rose e oro miniato.
Ed proprio il desiderio di protezione che diventa materia, luce e colore a contraddistinguere lo stile dell’ultimo progetto di Federica Orciani. Tasca in morbida nappa, su cui campeggiano volti e simboli dell’iconografia sacra, illuminata da rosari e nappine, espressione anch’essi di una tradizione manuense perché realizzata da mani agili e sapienti totalmente made in Italy.
Fuori, ad impreziosire la borsa; Dentro, per contenere quanto si smarrirebbero in borsa.
La contemporaneità dell’immagine di Papa Francesco dipinto dal pittore Sergio Favotto ha ispirato una linea di bracciali con il charm e un’altra linea con il solo sguardo con chiusura magnetica. Interamente fatti a mano, sono in vari colori cuoio, bianco, rosso, blu e verde.
Alla fine arrivano Maria Grazia Chiuri e Pier Paolo Piccioli per affascinarci con una collezione Couture dove la sospensione della realtà diventa pannelli dipinti dove figure di madonne s’intrecciano in decorati animali del Paradiso dell’Eden.
Fanno da contro altare le creazioni di Vincent Billeci, uno dei nuovi talenti del Made Italy di nuova generazione. I ricordi infantili e le processioni delle Madonne, i riti del venerdì santo sono strettamente legati alla mente del designer che ha creato una collezione che esalta il culto di Santa Rosalia tale da creare una vera propria icona in una bag chiamata “Rosaliabag”.
Ma questa commistione in chiave fashion tra sacro e profano non si è assistito solo sulle passarelle, anche nello street style da qualche anno seguitissimo dai giovani di tutto il mondo sembrerebbe aver risentito di questa corrente.
Infatti, tra gli accessori più in voga per questa stagione, a partire dai gioielli fino ai jewell details (per lui e per lei) ci saranno numerosi simboli della tradizione cristiana come corone di spine o il cuore trafitto (t-shirt Fiorucci). E poi rosari di legno come quelle delle monache, spille ex voto ( Christian Lacroix) e ciondoli di reliquari firmati Corpus Christi.
Se siete rimasti stupiti, sappiate che Nostro Signore illumina sempre le nostre menti affinchè ogni uomo di buona volontà possa essere ricondotto a Lui, qualunque religione professi.

Alberto Corrado


Potrebbe interessarti anche