Advertisement
Musica

Tutti all’opera!

Daniel Seminara
9 dicembre 2013

6a00d8341c4e3853ef0105365bd6a2970b

La settimana scorsa si è conclusa con quello che è probabilmente l’avvenimento più in vista del mondo musicale italiano: la prima della Scala. L’importante tradizione del teatro milanese, i protagonisti coinvolti e, senza dubbio, l’atmosfera di mondanità che circonda l’evento, rendono la prima nota anche a coloro che non frequentano abitualmente l’opera. Fuori dalle porte del Piermarini la musica però non si ferma. Vediamo quindi quali sono le principali proposte dei maggiori teatri del nostro Paese.

Il 14 dicembre, La Fenice di Venezia celebra i 10 anni dalla riapertura, dopo l’incendio che nel 1996 devastò il teatro, con un concerto in cui orchestra e coro si esibiranno nella Sinfonia n. 9 di Ludwig Van Beethoven, diretti da Lorin Maazel.

Giuseppe-Verdi-9517249-1-402

Al Teatro dell’Opera di Roma questa settimana sono in scena Ernani e il balletto Lo Schiaccianoci. La prima opera, che ha inaugurato la stagione del teatro romano, è una nuova produzione che porta la regia di Hugo de Ana e la direzione di Riccardo Muti. Tra i nomi di spicco del cast c’è quello del giovane Francesco Meli che interpreta il ruolo di Ernani. Il balletto Lo Schiaccianoci fa parte delle produzioni della Scuola di Danza e verrà messo in scena dagli allievi curati da Laura Comi.

Il Maggio Musicale di Firenze ci propone un raffinato Cappello di Paglia di Firenze di Nino Rota, in scena fino al 10 dicembre.

A Napoli, l’inaugurazione è anche ricordo e omaggio alla regia che Verdi fece di Aida nel 1873. Il San Carlo segue quindi l’onda verdiana mettendo in scena uno dei più grandi capolavori e affidando a Franco Dragone la regia e a Nicola Luisotti la direzione musicale.

thumb_52a0553d3f3092ab3d8b456c_default_xxlarge

Verdi si impone ancora una volta come l’autore più gettonato. L’anniversario gioca sicuramente a suo favore, ma anche il forte apprezzamento degli spettatori e la vicinanza con il pubblico sono una valida ragione della forte presenza nei cartelloni del compositore di Busseto, che da nord a sud Italia continua ancora a regalarci tante emozioni.

Daniel Seminara


Potrebbe interessarti anche