Letteratura

Un cuore a cucù

staff
8 aprile 2012

Nel 1874, a Edimburgo, la notte più fredda del Mondo porta con sè stranezze inaspettate: come il piccolo Jack, che nasce con il cuore completamente ghiacciato. Dovrà essere sostituito da un singolare orologio a cucù, grazie al quale Madeleine, un po’ maga buona, un po’ circe stravagante, riuscirà a salvarlo. Si tratta però di una protesi delicata: ogni forte emozione potrebbe significare il suo irrimediabile danneggiamento. “Uno, non toccare le lancette. Due, domina la rabbia. Tre, non innamorarti, mai e poi mai”, le regole che il cuore meccanico di Jack impone.

Ma la vita, prima o poi, bussa alla porta: ha le sembianze della minuta cantante andalusa Acacia e le note della sua voce suadente. Innamorato e rapito, il nostro eroe non avrà paura di abbandonare le fredde colline scozzesi, alla volta di Londra, dove dovrà vedersela con il famigerato Jack lo Squartatore, e di Parigi, dove si imbatterà nelle magiche stravaganze dell’illusionista – e padre del cinema – Georges Méliès. Ritroverà la sua bella nella palpitante Granada, ma qui dovrà ancora sfidare un agguerrito rivale e superare le dolorose prove che, inevitabilmente, i sentimenti comportano.

Pubblicato in Francia nel 2007, assieme a un concept album che segue fedelmente l’ispirazione del libro, esce ora anche in Italia “La meccanica del cuore”, terzo romanzo dell’eclettico Mathias Malzieu, leader dei Dionysos, uno tra i gruppi rock francesi più acclamati.

Attraverso il delicato sguardo del protagonista, il lettore è trasportato in un universo immaginifico e bizzarro, che molto deve alle atmosfere neogotiche e romantico-vittoriane di Tim Burton (soprattutto quelle della sua “Sposa cadavere”). Lieve, suggestivo e venato di quell’ironia acuta di chi non si prende troppo sul serio, “La mécanique du coeur” è una metafora universale che attraverso il filtro del meraviglioso sonda le profondità dell’amore. Una fiaba per quei bambini grandi che sanno ancora stupirsi e rimanere incantati.

Tra questi, Luc Besson che sta già lavorando ad un adattamento per il grande schermo, la cui uscita è prevista per il 2013. Intanto, per chi a lettura ultimata – non prima, se non volete rovinarvi il finale – avesse ancora voglia di rimanere con i protagonisti del romanzo, consigliamo il video della canzone “Tais Toi Mon Coeur”.

 

Virginia Grassi

“La meccanica del cuore” di Mathias Malzieu, Feltrinelli, traduzione di Cinzia Poli, pp. 160.


Potrebbe interessarti anche