Advertisement
Lifestyle

Una domenica a Parigi

Sara Ottavia Carolei
2 novembre 2013

parigi

L’autunno è uno dei momenti migliori per visitare Parigi. Gli alberi dei Jardin des Tuileries che si tingono di giallo, arancio e marrone, l’atmosfera malinconica della Senna con la nebbia, le terrazze riscaldate dei caffè che si riempiono di gente. Il freddo è ancora sopportabile e Parigi è al massimo del suo splendore. Resta tuttavia il problema, soprattutto per chi si può concedere solo una piccola toccata e fuga nel weekend, di trovare cose da fare e da vedere. La domenica in particolare, musei ed esposizioni a parte, che però prendono molto tempo a causa delle file interminabili, è una giornata un po’ difficile: i negozi sono quasi tutti chiusi e la città è dormiente. Ma restano comunque moltissime cose da fare e da scoprire: Parigi le nasconde per svelarle solo agli osservatori più attenti.

Ecco a voi il programma per passare una domenica perfetta, come farebbe un vero parigino:

Colazione: Café Coutume
Situato sulla Rive Gauche, nel settimo arrondissement, è perfetto per colazioni e brunch domenicali. Luminoso, accogliente e rilassante, vanta una vastissima selezione di caffè e un menù delizioso a prezzi davvero onesti rispetto alla media della città.

Aperto dalle 10 alle 19
47, rue de Babylone 7e arrondissement.
Metro Saint-François-Xavier (linea 13), Sèvres-Babylone (linee 12 e 10) e Vaneau (linea 10)

Marché aux Puces di Saint-Ouen
Il mercato delle pulci più famoso di Parigi è il luogo perfetto in cui perdersi nelle nebbiose mattinate autunnali. Facilmente raggiungibile dal centro di Parigi con la metropolitana, offre un’incredibile varietà di oggetti, abiti e pezzi da collezione. Non vi aspettate di fare grandi affari, è più un mercato da visitare come se fosse un museo che un posto in cui acquistare a poco prezzo.

Aperto dalle 9 alle 18
Avenue de la Porte de Clignancourt, 18e arrondissement.
Metro Porte de Clignancourt (linea 4)

Pranzo: da Ma Cocotte
Il ristorante del designer Philippe Starck, aperto solo da un anno ma già cult, ricavato da un vecchio immobile industriale. Situato nel cuore del Marché aux Puces di Saint-Ouen, Ma Cocotte è la nuova mecca dei parigini che vengono qui a gustare i piatti degli chef Yannick Papin e Damien Ronda in un ambiente chic e molto à la page.

Aperto dalle 8 alle 23
106 rue des Rosiers, Saint-Ouen
Metro Porte de Clignancourt (linea 4)

Una passeggiata in rue des Martyrs
Una delle vie più amate dai parigini, ma sconosciute ai turisti. Leggenda vuole che la via, originariamente denominata rue des Porcherons, abbia assunto il nome attuale per seguire la leggenda che voleva il santo martire Denis camminare sulla via reggendo la sua testa tra le mani dopo esser stato decapitato. Leggende inquietanti a parte, questa strada divisa tra il 9e e il 18e arrondissement è un luogo che mantiene intatta l’energia parigina dei vecchi tempi. Tra piccole boutique, caffè e cabaret, rue des Martyrs è perfetta per una passeggiata domenicale nell’area della Parigi bohémienne.

Metro Pigalle (linea 2 e linea 12)

Un tè al Musée de la vie Romantique
Il museo che era in origine la residenza del pittore Ary Scheffer, raccoglie ora opere d’arte del periodo Romantico. Il giardino ospita un piccolo bar aperto tutti i giorni nel quale rilassarsi bevendo un tè caldo sognando di vivere nella seconda metà del XIX Secolo.

Aperto dalle 10 alle 18
16 rue Chaptal, 9e arrondissement
Metro Pigalle (linea 2 e linea 12)

Leggere libro sulla Senna
Niente battelli turistici. Acquistate un libro in uno dei tanti banchetti sul lungo Senna e fermatevi a leggere seduti su una panchina vicino al Pont des Arts, come fanno i parigini nei loro pomeriggi liberi.

Metro Pont Neuf (linea 7)

Cena a La Société
Tra i ristoranti più chic del quartiere letterario di Saint-Germain-des-Près, La Société é anche una delle residenze preferite per i pranzi ufficiali delle Maison di moda. Ideale per una cena elegante e per concludere una perfetta domenica parigina.

Metro Saint-Germain-des-Prés (linea 4)

Sara Ottavia Carolei


Potrebbe interessarti anche