Cinema

Uno sguardo al Festival di Cannes 2012

Giorgio Merlino
20 maggio 2012

La sessantacinquesima edizione di una delle kermesse cinematografiche più importanti del pianeta non poteva certo passare inosservata.
Iniziato il 16 maggio, il Festival si concluderà esattamente fra una settimana, domenica 27: nella sua edizione 2012 vede come icona Marylin Monroe, della cui scomparsa cadrà quest’estate il cinquantesimo anniversario.
La giornata di apertura ha visto come protagonisti assoluti la madrina Bérénice Bejo, ricoperta di applausi nel suo elegante abito rosso e il Presidente di giuria Nanni Moretti. Accolto da una vera e propria standing ovation, l’attore e regista italiano ha voluto da subito ingraziarsi il pubblico francese, da cui è già molto amato, con una frecciatina rivolta all’Italia: “Grazie al Festival di Cannes e a questo Paese che, al contrario di altri, continua a riservare al cinema uno spazio importante nella società”.
Ciò su cui è doveroso focalizzare l’attenzione sono i film che, tra quelli in concorso, fuori concorso e proiezioni speciali del passato, hanno finora conquistato l’intero pubblico, e sembra abbiano intenzione di continuare su questa linea fino all’ultimo titolo di coda.
Il privilegio di essere il film d’apertura è stato concesso a “Moonrise Kingdom”, ultima opera del regista Wes Anderson che ha deciso di tornare al cinema per ragazzi con una toccante e divertente storia. Nel New England degli anni ‘60, Sam e Susy si incontrano per caso alla tenera età di dodici anni e dal quel momento decidono di trascorrere il resto della vita insieme, lontani però dal loro paese di origine. Ai giovani protagonisti, Jared Gilman e Kara Hayward, viene affiancato un cast d’eccezione in cui figurano Bruce Willis, Edward Norton e Bill Murray.
Pressanti attese accompagnano la proiezione di “Cosmopolis”, nuovo film del maestro David Cronenberg con l’idolo delle teenager Robert Pattinson, che non si sentirà certo solo: è infatti accompagnato dalla fidanzata Kristen Steward, che presenterà “On the Road”, una delle anteprime più importanti del Festival 2012, tratto dal romanzo di Kerouac e diretto da Walter Salles.
Ma si tratta solo di una goccia nell’oceano dei film in concorso che non è lecito farsi sfuggire: come “Reality”, forte commedia tragica del regista italiano Matteo Garrone, il forte e a tratti spinto “Paradise: Love” dell’austriaco Ulrich Seidi, il passionale “De rouille et d’os” e “The Paperboy”, nuovo film del regista di “Precious”, Lee Daniels che presenta la coppia inedita Nicole Kidman-Zac Efron.
Per quanto riguarda invece il Fuori Concorso, il film d’animazione “Madagascar 3: Ricercati in Europa” era senza dubbio il più atteso. E pare non aver deluso, grazie ad una commedia tenera e capace di far sognare, senza togliere il giusto merito a ognuna delle star che hanno prestato la propria voce ai personaggi, come Ben Stiller, Chris Rock e David Schwimmer.
Tra le proiezioni Speciali non può che essere menzionato il documentario di Laurent Bouzereau dedicato alla vita e all’opera di Robert Polanski: raccontando gli eventi che l’hanno contraddistinta, si presenta come uno sguardo inedito sulla vita di uno dei più grandi maestri del cinema contemporaneo.
Il Festival di Cannes non ha limiti, e quando il sole tramonta entrano in gioco gli eventi glamour, tra cui il gala dedicato alla versione restaurata di “C’era una volta in America” e la proiezione di mezzanotte del film “Dracula 3D”, un fedele adattamento dell’opera di Bram Stocker elaborato dalla regia di Dario Argento.
Immagine che accompagna i primi giorni del Festival è lo scatto dell’icona di stile Marylin Monroe intenta a spegnere le candeline di una torta che regge in mano; questo ha dato il via alla sensazione largamente diffusa che al fianco del cinema quest’anno debbano essere celebrate la bellezza, l’eleganza e la classe senza tempo. Il Red Carpet, da far invidia a quello di Los Angeles, ha lasciato tutto fuorché l’amaro in bocca, mentre ha visto sfilare star d’eccezione come Marion Cotillard (protagonista di “De Rouille et D’os”), una sempre affascinante Jane Fonda, la giovane Freida Pinto, l’ex casalinga disperata Eva Longoria e la conturbante Eva Herzigova.

Giorgio Merlino


Potrebbe interessarti anche