Violenza sulle donne, la nuova App che ci viene in aiuto

Patrizia Eremita
28 luglio 2013

Femminicidio. Una parola che sta drammaticamente diventando parte del nostro quotidiano: la sentiamo nei tg, alla radio, in televisione, la leggiamo sui giornali. La cronaca ci ricorda ogni giorno quanto questa problematica sociale sia divenuta urgente e non possa essere ignorata – più di quanto non è già stato fatto.

Donne sempre più a rischio violenza, tra le mura domestiche o sul luogo di lavoro.
Sempre più frequenti gli episodi di stalking, che vengono denunciati e, malgrado questo, non mettono al sicuro le vittime, che rimangono indifese. Cronache di morti annunciate di cui leggeremo ben presto sulle pagine dei quotidiani.

foto 1 violenza donne

Ma per combattere la violenza domestica la tecnologia ci corre in aiuto: proprio in questi giorni infatti, assieme ad una campagna di comunicazione sociale, è stata lanciata un’applicazione gratuita per smartphone in grado di identificare i fattori di rischio e aiutare le donne segnalando il potenziale pericolo. L’app si chiama “Save the Woman” ed è stata creata dalla criminologa Roberta Bruzzone in collaborazione con Smartland, società che utilizza strumenti informatici per cause sociali.
Doveroso precisare che si tratta solo di un piccolo aiuto iniziale che non ha la presunzione di sottrarsi al lavoro dei professionisti del settore come assistenti sociali e psicologi.

foto 2 violenza donne

I prossimi passi di Save the Woman riguardano la sua promozione e una serie di eventi di sensibilizzazione in tutta Italia, mentre in futuro, oltre alle donne, si potrà lavorare sui bambini o su particolari vittime di violenze.

Patrizia Eremita
www.mammaelavoro.it