Letteratura

10 libri da metter sotto l’albero

Virginia Francesca Grassi
20 dicembre 2015

santa claus at home relaxing reading a book near christmas

Che Natale sarebbe senza un buon libro ad aspettarvi sotto l’albero?
Che sia il dono da portare a una persona cara, oppure un regalo da fare a voi stessi per coccolarvi un po’, un libro davanti al camino o davanti a una cioccolata nel freddo di Dicembre è una delle cose belle della vita.

E se non sapete ancora cosa comprare per questo Natale, ecco 10 idee da non lasciarsi sfuggire:

  • I Fratelli Kristmas di Giacomo Papi, Einaudi, pp. 240. | Niklas Kristmas, alias Babbo Natale, la notte del 24 Dicembre è malato! Dovrà affidare l’ingombrante incarico di consegnare i regali a tutti i bambini a suo fratello Luciano e al nanopicchiatore Efisio, tra imprevisti, avventure e – ovviamente – un avido villain!

  • Tempesta di neve e profumo di mandorle di Camilla Läckberg, Marsilio, pp. 159. | Quattro racconti gialli, tra le feste in famiglia e un po’ di veleno qua e là, per festeggiare i primi 10 anni di carriera di una delle autrici svedesi più amate e conosciute.

  • Il monello, il guru, l’alchimista e altre storie di musicisti di Stefano Bollani, Alberto Riva, Mondadori, pp. 132. | Una galleria di ritratti e personali impressioni sui grandi protagonisti del panorama musicale introdotti dalla voce arguta di Stefano Bollani attraverso il lavoro a quattro mani con Alberto Riva.

  • Per tutto l’oro del mondo di Massimo Carlotto, E/O, pp.192. | Una nuova avventura per Marco Buratti, il detective atipico che ama il blues e indaga tra le nebbie del Nord-Est. Il cliente dell’Alligatore è questa volta un ragazzino appena dodicenne, figlio della vittima di una rapina in villa.

  • Woody di Federico Baccomo, Giunti, pp. 96. | Una tenera favola per adulti capace di parlare al cuore con ironia, intelligenza e un candido sguardo canino di temi delicati come amore e violenza. La narrazione è infatti affidata ad un dolcissimo cane basenji.

  • Sull’orlo del precipizio di Antonio Manzini, Sellerio, pp. 128. | Una novella feroce, tra il comico e il grottesco che parte da un amarissimo presupposto: cosa succederebbe se tutte le principali case editrici italiane si trovassero raggruppate sotto un’unica sigla?

  • Vivienne Westwood di Vivienne Westwood e Ian Kelly,Odoya, pp. 416. | Autobiografia e memorie di una donna straordinaria: dall’infanzia disagiata agli anni del punk, dall’attivismo politico ai grandi personaggi incontrati lungo la strada. L’icona di un secolo.

  • Un matrimonio, un funerale, per non parlar del gatto di Francesco Guccini, Mondadori, pp. 147. | Dalla penna di uno dei più celebri e amati cantautori italiani, una raccolta di racconti, una galleria di incontri e persone sospesi tra ironia e malinconia.

  • La pesca dello spada di Eugenio Tornaghi, Novecento editore, pp. 509. | Un thriller tutto meneghino da mozzare il fiato, giocato tra fiction e realtà: banche, faccendieri, politici e alto clero, il mondo oscuro dell’alta finanza come non lo avreste mai immaginato.

  • L’amore, forse di Barbara Fabbroni, Edizioni Croce, pp.227. | Una narrazione tra il romanzo rosa e il diario che vede come protagonista una novella Bridget Jones – ma decisamente più glamour – in giro per Roma e la Toscana, Capri e Parigi.


Potrebbe interessarti anche