Lifestyle

5 cose da fare (e 5 location da vedere) quando piove

Silvia Ragni
21 Novembre 2019

L’autunno sta mostrando il suo aspetto più caratteristico: pioggia a dirotto, vento e temperature calate a picco fanno ormai da leitmotiv alle nostre giornate. Un’unica consolazione contro il grigiore imperante: il Natale dietro l’angolo fa sì che nelle città si allestiscano le prime vetrine a tema e che l’accensione delle luminarie sia imminente. Ma in attesa del periodo più magico dell’anno, cosa fare per combattere la monotonia di una pioggia che cade quasi con puntualità svizzera? Se amate starvene in casa, magari davanti al focolare, il maltempo è la vostra condizione ideale; se invece amate uscire, “fare cose e vedere gente”, parafrasando Nanni Moretti, non vi resta che assaporare il tepore di location al chiuso indiscutibilmente invitanti. Quali? Ve ne suggeriamo cinque.

Milano: una mostra in full immersion multimediale per commemorare Raffaello
Dal Quadrilatero della Moda di Milano, via Filippo Turati dista solo qualche centinaio di metri. È lì che si trova il Museo della Permanente, dove fino al 2 Febbraio 2020 potrete visitare la mostra “Raffaello 2020”, un percorso immersivo multimediale allestito in occasione del 500esimo della morte del grande pittore: sviluppato in cinque sale del Museo, l’iter si configura come un’autentica esperienza sensoriale che approfondisce a 360° vita, storia e opere dell’artista urbinate.

Firenze: una cioccolata calda in un caffè storico
Esistono molti modi di sorseggiare una cioccolata calda. Uno di questi è farlo in un caffè storico come il Gilli, il più antico di Firenze: la sua nascita risale all’epoca medicea, mentre il trasferimento nell’attuale location di Piazza della Repubblica è datato ai primi del ‘900. “Salotto” in stile Liberty, il Caffè Gilli è stato il punto di ritrovo di intellettuali e artisti. Oggi, la sua secolare pasticceria artigianale consente di gustare una cioccolata in tazza decisamente luxury.

Roma: un aperitivo nel cuore della Città Eterna
Salotto42, in Piazza di Pietra, è un locale cult per l’aperitivo nel cuore di Roma. Affacciato sul maestoso Tempio di Adriano, sfoggia iconici interni di design: poltrone, tavolinetti e lampadari vintage si contrappongono alle antiche piastrelle in bassorilievo delle pareti. Altrettanto eclettico nell’offerta food and drink, Salotto 42 propone cocktail valorizzati da ingredienti “homemade” ed un sofisticato menu che, nel weekend, diventa un brunch tutto all’insegna del green.

Torino: un tour “di celluloide” nella Mole Antonelliana
Siete a Torino? Non perdetevi il Museo Nazionale del Cinema alla Mole Antonelliana. Concepito come una spirale sviluppata su molteplici livelli, è un compendio della storia del cinema: proiezioni, collezioni e memorabilia si alternano in un magico iter interattivo. Tassativo visitare l’Aula del Tempio, il cuore del Museo, dove potrete ammirare i filmati sui grandi schermi sdraiati su una chaise-longue e circondati da scenografie inneggianti alla Settima Arte ed alle sue star.

Rimini: un film nel cinema preferito di Federico Fellini
A proposito di cinema: immaginatene uno in stile Hollywood anni ’30, tutto oro, stucchi e velluto rosso. Un sogno? Niente affatto, si tratta del Cinema Fulgor di Rimini. Federico Fellini era un suo habitué sin dall’ infanzia e lo ha persino immortalato in film come “Amarcord”. Oggi, il Fulgor è stato restaurato sulla base di un progetto di Dante Ferretti e vanta due preziose sale, “Giulietta” e “Federico”. Un must? Le matinée della domenica, precedute da una ricca colazione.

 

 



Potrebbe interessarti anche