News

A volte ritornano: Colette rispunta a Shanghai

Martina D'Amelio
12 marzo 2018

Ha chiuso ufficialmente i battenti a Parigi il 20 dicembre 2017, ma Colette è duro a morire. Lo storico concept store è senza dubbio uno dei più “clonati”. E infatti ora rispunta persino a Shanghai.

Prima l’annuncio dell’opening di un nuovo negozio, Nous, molto simile a quello fondato da Madame Roussaux in Rue Saint-Honoré aperto dagli ex dipendenti Sébastien Chapelle e Marvin Deinm poco distante da dove sorgeva l’iconico shop nella capitale francese.

E ora l’annuncio di un avvistamento di Fake Colette – addirittura con tanto di marchio e logo identico – a Shanghai, in Cina, la cui insegna recita “Colette:Forever”. Dalla Cina i titolari fanno sapere che non si tratterebbe di un plagio, ma semplicemente di un omaggio alla celebre insegna parigina. L’ennesimo. Il titolare Zhao Shuo ammette di non aver ancora ottenuto profitti dal piccolo negozio, ma afferma che il Colette originale lo ha influenzato nel lanciare la propria “boutique”, che al momento vende articoli falsi firmati Gucci, Balenciaga e Louis Vuitton.

Insomma: è palese che la mancanza di Colette sia difficilmente colmabile.

Un’assenza che pesa: chi sarà il prossimo a proporre uno store ispirato a quello che ha chiuso le saracinesche dopo ben vent’anni di onorata carriera?


Potrebbe interessarti anche