News

Addio a Carla Mocenigo, la contessa che inventò le Pubbliche Relazioni

Beatrice Trinci
24 Marzo 2020

È morta a 84 anni in seguito a complicanze legate al Covid-19 Carla Mocenigo, la nobildonna veneta che inventò le Pubbliche Relazioni.

Nata a Venezia da un’importante famiglia di Dogi e Ammiragli, la contessa era malata da tempo e si era ritirata nella propria abitazione di Milano, sua città d’adozione da oltre 50 anni, prima di essere ricoverata d’urgenza in ospedale, lì dove si è spenta in sole 48 ore. Estrosa e brillante, Carla era stata sposata al grande regista di prosa e lirica Franco Enriquez, conosciuto in laguna all’esclusivo Harry’s Bar, da cui ha avuto un figlio, Filippo, oggi imprenditore che risiede insieme alla propria famiglia in Australia.

Il matrimonio con l’artista le permise di entrare in contatto con le più rinomate personalità del Teatro alla Scala del tempo, dalla Callas a Wally Toscanini, fino anche a Riccardo Muti.

Conoscenze di alto livello che, una volta trasferitasi definitivamente a Milano in seguito alla separazione dall’ormai ex marito, consentirono alla Mocenigo di intraprendere – o meglio inaugurare – una delle professioni tra le più importanti e diffuse del capoluogo lombardo: le Pubbliche Relazioni.

Con uno studio nel cuore della città in via Dante, a due passi dal Castello Sforzesco, dal Duomo, dalla Scala, nonché dal Piccolo Teatro di Grassi e Strehler, la vivace contessa conquistò il suo primo, storico cliente, Motta, nel 1968. Allieva di Guido Mengacci, in poco tempo superò le abilità del maestro, dedicandosi con tutta se stessa all’universo della moda, del design e del beauty, contando nel suo portfolio professionale nomi del calibro di Busnelli Arredamenti e Rinascente, Simonetta Ravizza, Elisabeth Arden e Triumph. Il segreto del suo successo? La capacità di instaurare rapporti diretti e personali con i diversi rappresentanti dei media.

Elegante e raffinata, la regina delle Pubbliche Relazioni viene ricordata anche per la sua generosità, poiché ha sempre supportato iniziative benefiche, raccolte fondi e giovani talenti del mondo della moda e della comunicazione, insegnando loro come muovere i primi passi.